"Quei 15 mila euro promessi": mazzette al Comune, interrogato ingegnere

Il progettista accusato di corruzione è stato il primo a comparire davanti al gip dopo l'operazione che ha portato a galla un maxi giro di mazzette (7 arresti). Avrebbe risposto alle domande del giudice per una trentina di minuti

Un frame di un'intercettazione

Sono iniziati stamattina gli interrogatori di garanzia degli indagati coinvolti nell’inchiesta sul presunto giro di mazzette al Comune in relazione all’approvazione di tre piani costruttivi. Il primo a comparire davanti al gip Michele Guarnotta è stato l’ingegnere Agostino Minnuto, originario di Alia, progettista e direttore dei lavori degli immobili di via Petrocelli, accusato di corruzione e sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Giro di mazzette al Comune, 7 arresti

Minnuto avrebbe risposto alle domande del giudice, per circa una trentina di minuti. Al termine, il suo avvocato ha chiesto la revoca della misura cautelare. Il gip deciderà nelle prossime ore.

Le intercettazioni: "Ruotano da 1.000 a 2.000 voti" | VIDEO

Secondo la ricostruzione del procuratore aggiunto Sergio Demontis e dei sostituti Giovanni Antoci, Andrea Fusco e Francesco Gualtieri, che coordinano l’indagine “Giano Bifronte” dei carabinieri e della guardia di finanza, Minnuto, assieme ai costruttori Giovanni Lupo e Francesco La Corte  della “Biocasa srl”, avrebbe promesso 15 mila euro all’ex dirigente del Comune, Giuseppe Monteleone. 

All’Edilizia privata, per l’accusa, vi sarebbe stata infatti una “cricca”, per utilizzare le parole del pentito Filippo Bisconti, e quella somma sarebbe servita per ricompensare Monteleone del presunto “affare” che avrebbe garantito agli imprenditori in via Petrocelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lupo, La Corte e Monteleone, così come il funzionario del Comune, Mario Li Castri, il progettista Fabio Seminerio e gli ex consiglieri comunali Sandro Terrani e Giovanni Lo Cascio sabato sono finiti tutti agli arresti domiciliari. Domani mattina saranno interrogati anche loro dal giudice.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Covid a Palermo, medico si sfoga: "Macché complotto, tante richieste di ricovero e reparto pieno"

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento