Furto di energia elettrica e bombole non dichiarate, arrestato un commerciante

I carabinieri di Mezzomonreale hanno sottoposto a controlli un'attività in zona corso Calatafimi. Il "bombolaro", un 49enne, è stato anche denunciato perché trovato in posessso di 27 bombole gpl o gas prive di autorizzazioni

(foto archivio)

“Bombolaro” arrestato per furto di energia elettrica. I carabinieri hanno scovato l’allaccio abusivo che avrebbe realizzato un commerciante nella zona di corso Calatafimi, come poi accertato anche dai tecnici di E-distribuzione che hanno trovato il cavo collegato alla rete cittadina.

A finire nei guai è stato un 49enne, M.B., che è stato anche denunciato poiché trovato in possesso di 27 bombole di gas o gpl prive delle prescritte autorizzazioni. La merce è stata quindi sequestrata e affidata a una ditta specializzata.

Ma non finisce qui. “Il commerciante - spiegano dal Comando provinciale - aveva occupato gran parte della sede strada con merce varia, creando intralcio alla circolazione. Il veicolo utilizzato per il trasporto era sprovvisto di assicurazione e pertanto è stato sottoposto a sequestro amministrativo”.

Complessivamente i carabinieri di Mezzomonreale hanno elevato sanzioni per un totale di 1.300 euro, accompagnando poi il 49enne in tribunale. Stamattina il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per il commerciante, in attesa del processo, l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento