Cronaca

Ultimo sbarco, presi due presunti scafisti: "Si erano mescolati con gli altri migranti"

In manette un marocchino e un tunisino. I polizotti - aiutati dagli interpreti - sono arrivati ad identificare i due grazie al racconto dei naufraghi partiti dalla Libia, molti dei quali fuggiti da tribù e focolai ancora attivi di guerre civili locali

La polizia ha arrestato due cittadini stranieri, rispettivamente di nazionalità marocchina e tunisina. Si tratta di Makki Hanshasfar di 26 anni e Charma Abdrahim di 24 anni: sono i presunti scafisti degli oltre cinquecento migranti giunti ieri nel capoluogo. A soccorerli la nave "Bourbon Argos" utilizzata dall'organizzazione umanitaria "Medici senza Frontiere", a bordo della quale sono anche state trasportate cinque salme. I polizotti - aiutati dagli interpreti - sono arrivati ad identificare i due grazie al racconto dei naufraghi partiti dalla Libia, molti dei quali fuggiti da tribù letteralmente sterminate e da focolai ancora attivi di guerre civili locali.

"Una complicata attività investigativa - spiegano dalla polizia - anche perché i due presunti scafisti si erano mescolati agli altri migranti". I due sono stati condotti al carcere Pagliarelli con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina dalla Libia all’Italia.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultimo sbarco, presi due presunti scafisti: "Si erano mescolati con gli altri migranti"

PalermoToday è in caricamento