menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La formazione juniores della Parmonval

La formazione juniores della Parmonval

"Negro di m...", dall'arbitro insulti razzisti a calciatore della Parmonval: scatta la denuncia

Kabila Colley, 19enne gambiano che milita nella squadra palermitana, sarebbe stato preso di mira per due volte dal direttore di gara in occasione della finale Juniores regionale con il Camaro. L'avvocato Castronovo: "Fatto grave, sporgeremo querela". L'inchiesta è stata poi archiviata

"Sporco negro, negro di m...". Per ben due volte un 22enne arbitro di Licata avrebbe insultato così Kabila Colley, 19enne gambiano che milita nella Juniores della Parmonval. Un episodio di razzismo, denunciato dalla squadra di Mondello, che presto finirà in Tribunale. Lo scrive su Facebook Giovanni Castronovo, dirigente e legale della Parmonval, che annuncia: "Sporgeremo denuncia per diffamazione aggravata dall'odio razziale alla Procura di Agrigento".

Il gip archivia l'inchiesta sull'arbitro

I fatti sono accaduti al "Saraceno" di Ravanusa, durante la finale Juniores regionale con i messinesi del Camaro. Il giocatore e l'arbitro avrebbero avuto dei contrasti per motivi di gioco. "E' un episodio inaccettabile, una cosa che mai si dovrebbe verificare e che dà un messaggio molto negativo ai giovani tifosi" aggiunge Castronovo, che in un lungo post non nasconde la sua amarezza: "Chi fa calcio sa bene che può anche accadere che l’arbitro abbia una giornata storta. Ciò che qui si intende segnalare è il grave, riprovevole e reiterato comportamento razzista assunto dal 'signore' nei confronti del nostro calciatore Kabila Colley".

"L'inadeguatezza arbitrale ed i marchiani errori possono farci adirare - conclude Castronovo - ma da uomini di sport li accettiamo perché fanno parte (purtroppo) delle regole del gioco. Le offese di natura razziale assolutamente no. La nostra società, in un programma di integrazione e socializzazione, ha tesserato quest’anno ben 5 calciatori di colore, affinché costoro possano inserirsi a pieno nella realtà palermitanaocializzare con i propri coetanei. In qualità di legale del ragazzo e della società Parmonval depositerò presso la Procura della Repubblica di Agrigento una denuncia-querela nei confronti, affinché chi di competenza possa prendere i dovuti provvedimenti".

Ad agosto del 2020 il gip di Agrigento, Stefano Zammuto, ha archiviato l'inchiesta a carico del 22enne arbitro di Licata, squalificato dalla giustizia sportiva e sottoposto al Daspo dopo essere stato accusato da un calciatore ventenne gambiano di insulti razzisti. “Le testimonianze di compagni e avversari – ha scritto il magistrato della Procura nella richiesta di archiviazione – non hanno consentito di arrivare a una ricostruzione univoca”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento