Il Commissario straordinario dà l'ok per la "Carta di tutela degli animali"

Il testo, redatto dal consigliere comunale del Pd Vincenzo Tanania e da alcune associazioni animaliste, servirà a garantire una regolamentazione sul territorio, "fino ad oggi lacunosa"

Vincenzo Tanania, consigliere comunale e redattore della "Carta"

Finalmente anche Palermo avrà una Carta comunale per la tutela degli animali. Lo scorso fine settimana il Commissario straordinario del Comune, Luisa Latella, ha approvato e firmato, con i poteri di Giunta che le competono, un documento composto da 58 articoli mirato a regolamentare aspetti e diritti del mondo animale, redatto dal consigliere comunale Vincenzo Tanania e dall’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) di Palermo, in collaborazione con la Lida (Lega italiana diritti degli animali) di Palermo.

Grazie a questa Carta, che entrerà in vigore dieci giorni dopo la pubblicazione nell’Albo pretorio - che avverrà nei prossimi giorni -  il Comune “promuove il rispetto, la cura e il diritto alla presenza sul territorio degli animali, quale elemento fondamentale e indispensabile di una morale civica e dell’ambiente”. Richiamando l’articolo 2 della Costituzione, il documento “riconosce la libertà ad ogni cittadino di esercitare, in modo singolo o associato, le attività connesse con la cura e l’assistenza per gli animali”. Con tanto di obblighi per chi li detiene, dalla tutela e il sostentamento alimentare ai servizi veterinari. Ponendo come obiettivo la prevenzione di maltrattamenti, abbandoni o detenzione in spazi inadeguati che ne metterebbero a rischio la sopravvivenza. Tra i divieti, “nelle more dell’approvazione di legge regionale – si legge nel testo - è vietata qualsiasi forma di spettacolo o intrattenimento pubblico o privato  che contempli l’utilizzo di animali, sia domestici che selvatici”. Una norma che si applica a fiere, mostre, esposizioni concorsi spettacoli in strada e manifestazioni itineranti, proibendone anche l’addestramento per queste finalità.   


Un documento che abbraccia tutti gli animali, sia domestici  - per i gatti, per esempio, è prevista l’anagrafe felina e il riconoscimento dell’attività “dei ‘gattari’ che si adoperano per il sostentamento delle ‘colonie feline’, promuovendo corsi di informazione in collaborazione con il servizio veterinario delle Asl e le associazioni di volontariato” – sia esotici, acquatici e avifauna. I negozi che vendono animali da compagnia, non potranno esporli in vetrina o all’esterno del punto vendita. Semaforo rosso anche per le attività commerciali ambulanti e occasionali inerenti la vendita diretta o indiretta di animali. E’ inoltre prevista una norma per tutelare i cavalli da traino di vetture pubbliche: sarà proibito ai proprietari farli lavorare per più di sei ore al giorno, pena la revoca della licenza di vetturino per maltrattamento, e “bardarli o decorarli con campanellini o accessori che suonano”.


In caso di violazione dei diritti degli animali sono previste delle sanzioni “come disposto dalla vigente disciplina legislativa e regolamentare”. Polizia Municipale, guardie zoofile delle associazioni di volontariato ed il servizio ispettivo annonario saranno addetti alla vigilanza e incaricati a far rispettare la Carta sui diritti del mondo animale. “Anni di duro e perseverante lavoro – dice il consigliere comunale Vincenzo Tanania, consigliere comunale e redattore del documento - hanno permesso il raggiungimento di questo storico risultato per le battaglie animaliste, un grande passo in avanti per la crescita della nostra Città. Per tutto questo ringrazio le volontarie e i volontari palermitani per il loro instancabile impegno e – conclude - il Commissario Latella  per la sua abnegazione, serietà e grandissima sensibilità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’approvazione di questa Carta è una grandissima conquista – dice Daniela Brunetto, presidente e delegata dell’Oipa Palermo – su un tema difficile e fino ad oggi privo di regolamentazione. Per la stesura del testo, per diversi mesi abbiamo studiato e ci siamo confrontati con altre realtà metropolitane che già utilizzavano un documento simile”. I promotori della Carta ringraziano in maniera particolare l’Oipa Italia e l’Onorevole Monica Cirinnà del Comune di Roma, per il supporto tecnico fornito.

Per visualizzare il documento completo è possibile accedere al seguente link: https://vincenzotanania.it/carta-comunale-sulla-tutela-degli-aniamali/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento