Ippodromo chiuso da 470 giorni: "L'illegalità si combatte creando lavoro"

L'appello degli ex lavoratori al Comune e alla classe politica cittadina

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Buon Primo maggio a tutti i lavoratori, a chi con tutte le forze difende il proprio posto, a chi come noi lo ha perso. 

Privare una persona del lavoro significa colpirlo nella dignità di uomo e fa ancor più male vivere soffocato dall'indifferenza di una classe politica che se ne infischia se c'è una fetta di città che soffre, e sembra prendersi gioco della gente con false promesse, facendo credere che si è sul punto di sbloccare una situazione che invece si va incacrenendo giorno dopo giorno.

Caro sindaco, caro politico, caro burocrate, inizia maggio, l'ippodromo di Palermo è chiuso da 470 giorni, adesso basta! L'illegalità si combatte creando il lavoro, restituendolo a chi è stato ingiustamente strappato. Probabilmente non avete compreso bene il vostro ruolo e allora andate via... la nostra pazienza si è esaurita! Ex lavoratori ippodromo di Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento