menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiesa di Santa Caterina

La chiesa di Santa Caterina

Il Monastero di Santa Caterina si svela: il complesso monumentale apre le porte

L'edificio fino a qualche anno fa era abitato dalle monache domenicane di clausura. Dall'8 aprile la Curia arcivescovile di Palermo ha deciso di rendere accessibile al pubblico una vasta area

Dal prossimo 8 aprile, un'altra bellezza tutta palermitana potrà essere visitata da residenti e turisti. Stiamo parlando del Monastero di Santa Caterina in piazza Bellini, una gemma sconosciuta incastonata nel cuore della città. Il convento e la sua celebratissima chiesa costituiscono uno dei complessi monumentali più importanti di Palermo. L’edificio è inutilizzato da qualche anno, dopo che le ultime anziane monache domenicane di clausura, un tempo famose per gli straordinari dolci prodotti, hanno dovuto lasciarlo, non potendone più garantire la gravosa conduzione. 

Il Monastero torna oggi al centro dell’interesse e dell’impegno dell’Ufficio Beni Culturali della Curia, attualmente diretto dal padre Giuseppe Bucaro. Come primo passo verso il completo recupero e utilizzo della importante struttura, di concerto con la competente Sovrintendenza e i responsabili del Fondo edifici di culto del ministero degli Interni, la Curia arcivescovile di Palermo, cui è affidata la gestione del bene, ha deciso di rendere accessibile ai visitatori una significativa parte del vasto complesso monastico, autentico palinsesto di storia e di architettura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento