Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Marina, 61

Villa Garibaldi, riapre la ludoteca comunale

Acunamatata, No Colors e il Centro Sociale San Francesco Saverio: queste sono le realtà che garantiranno le attività dei bambini in attesa della definizione della gara per l'affidamento della struttura

L'ingresso di Villa Garibaldi - foto di PalermoIn.it

Ancora uno spazio dedicato ai bambini torna in vita. E' stato sottoscritto ieri, all'assessorato ai diritti di cittadinanza e le politiche giovanili, l'accordo di collaborazione con tre enti del privato sociale che hanno dato disponibilità ad aprire la ludoteca di Villa Garibaldi gratuitamente, offrendo ai bambini e alle bambine della città attività di animazione e socializzazione. In un secondo momento sarà definita la gara per l'affidamento della struttura.

Le tre realtà coinvolte sono l'associazione "Acunamatata", la cooperativa "No Colors" ed il Centro Sociale San Francesco Saverio, che hanno sottoscritto un accordo di collaborazione con l'assessore Agnese Ciulla e la dirigente Daniela Rimedio con cui si impegnano ad aprire la struttura nel mese di agosto (nei giorni 26, 27, 29 e 30 dalle 15.30 alle 19) e settembre (tutti i giorni dal lunedì al venerdì, sempre dalle 15.30 alle 19.30).

"Dopo anni di chiusura ed abbandono di questa importante struttura della città - sottolinea il sindaco Leoluca Orlando - siamo riusciti a recuperare uno spazio che rappresenta un pezzo importante della storia dei diritti dei bambini e delle bambine della città, un importante spazio di socialità non solo per i bambini ma anche per le famiglie. Siamo orgogliosi che la gran parte dei lavori sia stata eseguita da maestranze comunali del Cantiere e del Coime, proprio per sottolineare il coinvolgimento di tutta l'amministrazione."

Altrettanto soddisfatta si dice l'assessore Agnese Ciulla, che ringrazia "i tre enti che hanno dato la propria disponibilità perché la struttura torni subito operativa in attesa che si concludano le procedure burocratiche per l'affidamento tramite il bando di gara. E' un grande segno di attenzione per la città e per i suoi bambini".

"L'abbandono in cui era caduta la ludoteca - continua l'assessore - era simbolico dell'abbandono e della disattenzione della città e della vecchia amministrazione verso i diritti dei più piccoli. Facciamo anche appello ai residenti del quartiere, che tanto si sono battuti perché la ludoteca tornasse in funzione, perché essi stessi siano vigili affinché nessun ulteriore atto vandalico torni a deturpare la struttura. Quello è uno spazio pensato per i nostri bambini e chiunque lo danneggia fa un danno a tutti i bambini di Palermo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Garibaldi, riapre la ludoteca comunale

PalermoToday è in caricamento