menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il frame di un'intercettazione dell'inchiesta sulla casa di riposo "Anni Azzurri"

Il frame di un'intercettazione dell'inchiesta sulla casa di riposo "Anni Azzurri"

Anziani picchiati, insultati e imbavagliati: condannati i gestori dell'ospizio "Anni Azzurri"

Il gup Guglielmo Nicastro ha inflitto pene pesanti con il rito abbreviato a Brigida Camarda e al marito, peraltro impiegato della Regione, Michele Riccobono, oltre che ai loro due figli. La polizia aveva documentato oltre 100 episodi di violenza in appena tre mesi contro i 13 ospiti della struttura della Zisa

"Porco", "maiale", "sei un miserabile" e "fai schifo", è così che nella casa di riposo "Anni Azzurri" di via Benedetto Marcello, alla Zisa, gli operatori si sarebbero rivolti agli anziani di cui invece avrebbero dovuto prendersi amorevolmente cura. Botte e insulti contro i tredici ospiti della struttura (ormai chiusa) erano stati intercettati tra settembre e dicembre del 2019 e adesso sono arrivate quattro condanne con il rito abbreviato a carico dei gestori dell'ospizio.

Il gup Guglielmo Nicastro, accogliendo le richieste del procuratore aggiunto Annamaria Picozzi e del sostituto Maria Rosaria Perricone, ha infatti inflitto 6 anni e 8 mesi di carcere a testa a Brigida Camarda e al marito Michele Riccobono, peraltro impiegato della Regione. Quattro anni e 10 mesi ciascuno dovranno invece scontare i loro figli, Edoardo e Antonino Riccobono. 

L'inchiesta dei poliziotti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo aveva consentito di documentare oltre 100 episodi di condotte vessatorie, denigranti, lesive della dignità umana, oltre a percosse e immobilizzazioni, ma anche come gli anziani sarebbero stati spesso sedati ed imbottiti di psicofarmaci per tenerli buoni. La Procura aveva rimarcato come gli imputati avrebbero agito "sia con violenza o minacce gravi, sia con crudeltà" e avrebbero "cagionato sia acute sofferenze fisiche, sia un verificabile trauma psichico", infliggendo "un trattamento inumano e degradante per la dignità della persona".

Proprio la violenza che sarebbe stata utilizzata all'interno dell'ospizio aveva spinto i pm a chiedere il carcere per la famiglia che avrebbe gestito la struttura, ipotizzando persino il reato di tortura a danno degli anziani. Il gip Giuliano Castiglia aveva però valutato in tutt'altro modo la situazione, rimarcando nella sua ordinanza che quella comunità non sarebbe stata affatto "una casa degli orrori" e ritenendo che, alla fine, soltanto uno degli ospiti sarebbe stato maltrattato e non tutti e tredici. Così aveva disposto soltanto il divieto di dimora a coloro che oggi sono stati invece condannati con pene abbastanza pesanti da un altro giudice.

La Procura aveva fatto ricorso fino in Cassazione contro il provvedimento del gip e aveva avuto ragione: i giudici avevano infatti disposto gli arresti domiciliari per Camarda e il marito, ritenendo che i maltrattamenti sarebbero avvenuti nei confronti di tutti gli anziani ospitati alla "Anni Azzurri" e non solo di uno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento