menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Apre la porta e viene accoltellata: anziana massacrata in casa, preso l'aggressore

E' successo nei pressi di corso Calatafimi. Arrestato un uomo di 48 anni, conoscente della vittima. I poliziotti hanno trovato il corpo della donna riverso in una pozza di sangue. Controversie personali alla base del folle gesto

"Tentato omicidio": con quest'accusa un uomo di 48 anni è stato arrestato dalla polizia. Si tratta di un incensurato di Misilmeri (S.G. le iniziali). E' successo ieri in viale Regione, nei pressi di corso Calatafimi, nella zona di Villa Tasca. In azione gli agenti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico. Alcuni condomini hanno allertato la sala operativa della polizia. All’interno dell'abitazione i poliziotti hanno trovato il corpo di una donna di 82 anni, riverso in una pozza di sangue. Visibilmente provata per lo choc subito e le ferite riportate, la donna a stento ha raccontato di essere stata assalita ed ha fornito utili dettagli sul conto del suo aggressore.

Nell’attesa dell’arrivo dell’ambulanza, la vittima ha poi spiegato ai poliziotti di avere aperto la porta di casa a un suo conoscente, di avergli offerto un caffè e di essere stata selvaggiamente ed apparentemente senza alcun motivo colpita alla testa con una sedia. "L'uomo - raccontano dalla questura - si sarebbe accanito sulla donna con un coltello. L'anziana ha riportato ferite al collo e alla testa. Quando la donna ha perso i sensi, il quarantottenne - forse convinto di averla uccisa - sarebbe uscito in gran fretta dall’appartamento non prima di avere portato via la borsa della vittima, contenente effetti personali e denaro".

Appreso quanto accaduto, i poliziotti, nell’arco di pochi minuti, si sono recati a Misilmeri, a casa dell'aggressore. "All’interno - dicono dalla questura - gli agenti hanno trovato un 'normale' spaccato di vita familiare, come se nulla fosse successo. L'aggressore, bloccato dalla polizia, non ha saputo fornire nessuna spiegazione plausibile su quanto accaduto, se non uno stato di profondo malessere legato ad una serie di controversie personali". L’uomo è stato tratto in arresto - anche con l'accusa di furto - e al momento è recluso in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento