rotate-mobile
Cronaca

Federazione italiana associazioni partigiane, il nuovo presidente regionale è Antonio Matasso

La Fiap si riorganizza in Sicilia: il neoeletto è un docente universitario, avvocato e giornalista, ed è l'attuale presidente del comitato provinciale di Messina

La Fiap (Federazione Italiana Associazioni Partigiane) si riorganizza in Sicilia, attraverso l’elezione di un nuovo presidente regionale del sodalizio, costituito nel 1949 da partigiani d’ispirazione socialista e socialdemocratica, azionista, repubblicana, radicale e liberale. A guidare il comitato regionale di Fiap Sicilia sarà il socialista democratico Antonio Matasso, docente universitario, avvocato e giornalista, attuale presidente del comitato provinciale di Messina. 

Secondo Antonio Matasso "la Fiap sarà fedele, anche nella nostra isola, alla propria storia. Siamo gli eredi di quanti hanno voluto differenziarsi dall’Anpi negli anni in cui quell’associazione sosteneva la politica dell’Unione Sovietica e delle altre dittature comuniste. La stessa ispirazione dei nostri fondatori ci impone di dichiarare che non ha alcun senso opporsi a dare le armi agli ucraini aggrediti. In Ucraina si combatte oggi la stessa battaglia tra libertà e tirannide che contrassegnò la guerra di Spagna e la la lotta di liberazione italiana: in nome dei valori antifascisti e della loro profonda attualità, abbiamo l’obbligo morale di sostenere in ogni modo i partigiani ucraini".

Matasso ha iniziato il proprio mandato di presidente di Fiap Sicilia ricordando Golda Meir, a tre settimane dal quarantaquattresimo anniversario della sua scomparsa: prima donna a guidare il governo israeliano e importante figura del movimento socialista internazionale, la leader laburista era nata a Kyiv nel 1898 con il nome di Golda Mabovič.

"Perché la guerra finisca – conclude Matasso – si può solo continuare nel sostegno alla democrazia ucraina, dinanzi ad un invasore che non solo ha rifiutato la tregua a Natale, ma ha addirittura intensificato i bombardamenti. Il coraggioso esempio di Golda Meir ci deve indurre, come comunità delle democrazie, a iniziative più incisive contro il regime russo: dalla Sicilia, terrà di libertà, noi antifascisti chiediamo l’esclusione di tutte le banche russe dal sistema Swift, il divieto assoluto per la Russia di utilizzare il dollaro statunitense e l’euro, nonché misure che costringano tutte le imprese a dover scegliere tra il mercato russo e quello dei paesi democratici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Federazione italiana associazioni partigiane, il nuovo presidente regionale è Antonio Matasso

PalermoToday è in caricamento