Il carabiniere morto in un incidente in Bosnia: 15 anni dopo Bagheria non dimentica

Era il 17 novembre 2005. Antonino Aiello perse la vita nella strada che conduce sulla statale M17 Sarajevo-Mostar

Il maresciallo Antonio Aiello (Ansa)

Sono passati 15 anni. I carabinieri ricordano il maresciallo capo Antonino Aiello, il sottufficiale di Bagheria morto in Bosnia in un incidente stradale. Era il 17 novembre 2005. Aiello era un carabiniere del contingente italiano in Bosnia. Fatale per lui un incidente lungo la strada che conduce sulla statale M17 Sarajevo-Mostar.

Aveva 45 anni ed era in servizio a Borgosesia (Vercelli). Aiello era in viaggio verso l'Italia, dove avrebbe dovuto ritirare degli aiuti umanitari da riportare in Bosnia. Improvvisamente l'auto su cui viaggiava con un altro carabinieri, uscì di strada, finendo in una scarpata.

Oggi a Bagheria alle ore 9.30 è stato deposto un cuscino di fiori ai piedi della tomba del caduto, alla presenza dei familiari, del tenente colonnello Alessandro Albano del comando provinciale carabinieri di Palermo, del sindaco del Comune di Bagheria Filippo Maria Tripoli, e del cappellano militare, don Salvatore Falzone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento