menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le Unità operative di primo intervento (foto archivio)

Le Unità operative di primo intervento (foto archivio)

"Ma se mi suicido e prima ammazzo tutti? Ho un fucile": paura in centro, b&b evacuato

Ha telefonato a un numero verde dalla sua stanza annunciando con frasi sconnesse una strage. Quindi l'intervento delle unità speciali nella struttura ricettiva, poi quello delle volanti che lo hanno fermato in via Roma. L'uomo, un 52enne, è stato sottoposto a tso: non è stata trovata nessuna arma

Con una telefonata aveva preannunciato una potenziale strage: "Ma se mi uccido e prima scendo in strada e ammazzo tutti? Ho un fucile”. Pochi minuti dopo il b&b del centro in cui si trovava è stata circondato dalla polizia. Poi l’irruzione nella stanza che aveva riservato, dove l’uomo però non c’era più e infine le ricerche in zona che hanno permesso di individuarlo dalle parti di via Roma. Protagonista dell'episodio, accaduto lunedì a pranzo, un 52enne che ha scatenato il panico nella zona del Massimo. 

Come ricostruito dagli investigatori l’uomo, circa un’ora prima, aveva telefonato al numero verde di un servizio per l'infanzia di Milano anticipando con frasi sconnesse l’intenzione di farla finita. Ma solo dopo aver ucciso i passanti con un’arma che non è stata però rinvenuta.

L’allarme ha fatto scattare i protocolli di sicurezza, rendendo necessario l’intervento di tutte le volanti in zona e anche delle squadre dell’Uopi, l’Unità operativa di primo intervento. Le unità speciali della polizia avrebbero quindi preso contatti con il titolare della struttura per raggiungere poi il piano e la stanza in cui avrebbe dovuto esserci il 52enne, ma solo dopo aver fatto evacuare gli altri ospiti dal b&b.

Dalla sala operativa è stata quindi diramata una nota radio e le ricerche estese a tutta la zona poco dopo hanno dato i loro frutti. Un uomo corrispondente alle descrizioni fornite dalla centrale è stato individuato e fermato in via Roma, nei pressi di piazza San Domenico. Era lui, il 52enne arrivato in città mesi prima dalla Capitale, poi sottoposto ad accertamenti in vista di un possibile trattamento sanitario obbligatorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento