rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Salta la Fiera campionaria, Lo Cascio: "Subiamo l'annullamento, ma manterremo gli impegni"

A dirlo è l'amministratore unico della Cl Eventi Cristiano Lo Cascio che, alla luce dello scoglio dell'inagibilità del polo fieristico, spera che l'Amministrazione possa ancora intervenire e risolvere la questione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

A conclusione di settimane intense ed intrise di fitti cambi di rotta che hanno visto la Cl Eventi subire le decisioni dell’Amministrazione comunale di Palermo, a seguito della comunicazione di inagibilità di parte del polo fieristico, l’amministratore unico Cristian Lo Cascio (nella foto in allegato), ha inteso chiarire alcuni passaggi ritenuti fondamentali: "Veniamo da settimane pesanti nel corso delle quali abbiamo subito l’annullamento della Fiera a causa della inagibilità. Una notizia che ci ha colti di sorpresa, soprattutto dopo che la società che mi fregio di rappresentare aveva ricevuto dal Comune di Palermo addirittura il patrocinio. Una situazione che ha avuto del paradossale e sulla quale pensavamo il buon senso potesse comprendere gli sforzi portati avanti da tutto il personale societario che aveva avviato lavori di logistica oltre a quelli di natura commerciale inerenti le adesioni delle Aziende espositrici. Una vicenda questa - spiega - che oggi ci porta a non poter continuare alcuna altra interlocuzione volta alla realizzazione dell’evento proprio per la mancanza, uno, dei tempi e due della effettiva volontà di trovare una soluzione da parte del Comune. Ciò che rappresento - continua Lo Cascio - lo faccio con rammarico e sconforto dato che la mia società aveva in animo di dare alla città di Palermo un evento capace di portare alla luce il meglio che l’economia siciliana e non solo sarebbero stati in grado di dare. La determinazione di chi amministra la città di Palermo di non proseguire con l’organizzazione, ha portato la nostra società a realizzare il fallimento del processo organizzativo, in danno delle esposizioni economiche e degli impegni che la stessa CL Eventi aveva contratto".

"Alla data dell’15 maggio - prosegue Lo Cascio - mettiamo un punto ad ogni possibilità di risoluzione della problematica e prendiamo atto di ciò che è la realtà dei fatti. Anche quest’anno la città di Palermo non avrà la fiera Campionaria. A prescindere dalle responsabilità del fallimento, che ad oggi trovano ricovero nella comunicazione di inagibilità emessa dai vigili del fuoco, saremo costretti a tutelare l’immagine e l’esposizione della CL Eventi già fortemente compromessi. Tengo a chiarire come l’operato della nostra società abbia seguito sin dal primo momento i parametri organizzativi previsti dalle procedure comunali e proprio per questo che il trattamento riservato alla nostra società in spregio anche della tenuta economica delle famiglie dei lavoratori della stessa e delle Aziende che con la firma sui contratti avevano dato fiducia alla nostra organizzazione, non potrà vederci inoperosi. Amiamo la città di Palermo. Siamo da decenni impegnati in eventi ed organizzazioni fieristiche, ma mai come quest’anno avremmo pensato che la nostra stabilità potesse essere fortemente compromessa da un modus operandi quantomeno insufficiente. Seguiremo nei prossimi giorni - conclude - l’evolversi degli eventi con la serenità di chi come noi ha lavorato e continuerà a lavorare per il territorio, mantenendo fede agli impegni presi con le ditte fornitrici e con le aziende espositrici. Sul resto attenderemo che chi di competenza all’interno del Comune, al di là di un certificato di inagibilità, abbia la volontà e soprattutto senta il dovere di spiegarci ancora e meglio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salta la Fiera campionaria, Lo Cascio: "Subiamo l'annullamento, ma manterremo gli impegni"

PalermoToday è in caricamento