Cronaca

La strage di Ustica 39 anni dopo, Mattarella: "Impegno costante per affermare la verità"

Nel giorno dell'anniversario della tragedia, in cui persero la vita 81 persone a bordo del volo aereo Dc-9 Itavia precipitato il 27 giugno 1980, il capo dello Stato rivolge un pensiero ai loro familiari: "La ferita richiama il Paese ad un sentimento di forte solidarietà"

Sono passati 39 anni dal disastro aereo del Dc-9 Itavia, precipitato il 27 giugno 1980, in cui persero la vita 81 persone. Una tragedia che oggi non ha ancora dei responsabili. Nel giorno dell'anniversario della strage di Ustica il presidente della Repubblica Sergio Mattarella conferma "il costante impegno per la ricostruzione univoca delle circostanze in cui persero la vita tanti nostri concittadini". "Devono guidarci - afferna il Capo dello Stato - in questo l'affermazione delle ragioni della verità e dello Stato di diritto e il riconoscimento della professionalità di donne e uomini che hanno operato in questa direzione".

Mattarella rivolge anche un pensiero ai familiari delle vitttime: "La ferita di Ustica richiama, ancora una volta, il Paese - conclude il Presidente della Repubblica - ad un sentimento di forte solidarietà verso i familiari delle vittime del volo Bologna-Palermo che videro spezzate le loro vite".

Il ricordo di Orlando

"A quasi 40 anni da quella tragica notte, la mancanza di una verità storica e giudiziaria su cosa davvero avenne e perché, resta una macchia nella storia d'Italia. Oggi sappiamo solo che pezzi importanti dello Stato hanno lavorato attivamente proprio perché verità e giustizia non fossero raggiunte. Ancora una volta, siamo vicini ai familiari delle vittime che con grande compostezza e passione civile non hanno mai smesso di essere da sprone per la Magistratura e per lo Stato, perché il loro dolore è il dolore di tutto il Paese". Lo ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando.

A Palermo la strage sarà commemorata anche con uno spettacolo teatrale che coinvolge studenti di due licei di Bologna e Palermo, che metteranno in scena "DC vero". Un percorso collettivo nato dalle esperienze degli studenti del Corso di Restauro dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, che durante il 2018 hanno realizzato un intervento di conservazione del relitto del DC9 Itavia, custodito nel Museo per la Memoria di Ustica a Bologna. La performance vedrà coinvolti le studentesse e gli studenti del Liceo Scientifico Galilei di Palermo e del Liceo Scientifico Copernico di Bologna, capofila del progetto.

Il disastro del Dc-9 Itavia

Il volo partito da Bologna verso Palermo alle 20.08 sarebbe dovuto atterrare nell'aeroporto d'arrivo alle 21.15. Non giunse mai a destinazione, inabissando nelle acque a largo dell'isola siciliana con 81 persone a bordo, 64 passeggeri adulti, 11 ragazzi tra i due e i dodici anni, due bambini di età inferiore ai 24 mesi e 4 uomini d’equipaggio. Nell'aprile del 2015 la corte d'Appello ha confermato che a far cadere l'aereo di linea dell'Itavia fu un missile sganciato durante uno scontro aereo: niente bomba a bordo, come a lungo ipotizzato, l'aereo è stato abbattuto.  Rimangono però avvolti dal mistero i contorni della vicenda e i nomi dei responsabili

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La strage di Ustica 39 anni dopo, Mattarella: "Impegno costante per affermare la verità"

PalermoToday è in caricamento