Ricordati D'Aleo, Bommarito e Morici: "Contribuirono a liberarci dalla mafia"

La cerimonia in via Scobar nel 36esimo anniversario della loro uccisione. Presenti anche il comandante interregionale "Culqualber", generale di corpo d'armata Luigi Robusto, e il comandante della Legione Sicilia, generale di divisione Giovanni Cataldo

Sono stati ricordati, nel 36esimo anniversario della loro uccisione, il capitano Mario D'Aleo, l'appuntato Giuseppe Bommarito e il carabiniere Pietro Morici. Alla cerimonia in via Cristofaro Scobar, sul luogo dell'eccidio, hanno partecipato anche il comandante interregionale "Culqualber", generale di corpo d'armata Luigi Robusto, il comandante della Legione Sicilia, generale di divisione Giovanni Cataldo e i familiari delle vittime. E' stato poi deposto un cuscino di fiori a Monreale, in via Venero, ai piedi della lapide che ricorda i tre appartenenti all'Arma.

"Sono un collega di corso di Mario D’Aleo ed è anche per questo che sono qui - ha ricordato Robusto -. Raramente ho disertato cerimonie del genere, perché ho sempre cercato di rendere onore a chi è stato d’esempio per ognuno di noi. Questa manifestazione, questa cerimonia, l’ho sentita particolarmente, e oggi ancor di più, perché per me, questo è l'ultimo anno di servizio. Il sacrificio di questi uomini, penso sia servito molto. Tanti anni fa, noi non vivevamo le cerimonie in questo modo, non vivevamo neanche il rapporto che questo sacrificio ci ha educato a vivere. C’è molto più rispetto, c'è molta più sensibilità, c'è molta più coscienza, c'è anche una mafia diversa. E’ una mafia che non uccide con le pallottole, che uccide diversamente, ma l’impegno da parte di ognuno di noi resta comunque e sempre. Ecco, onorare momenti come questo, è un modo per dimostrare il coraggio di voler cambiare, e farlo, conta ancora di più".

"Erano investigatori impegnati a dimostrare e combattere i legami fra la mafia e alcuni pezzi dell'imprenditoria siciliana, a dimostrare e combattere contro i legami dei corleonesi con pezzi importanti della politica che gestiva i lavori pubblici in Sicilia. A questi militari va il nostro ricordo, con la gratitudine per aver contribuito alla liberazione di Palermo e della Sicilia", ha detto il sindaco Leoluca Orlando.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Sferracavallo, stuprata mentre aspetta il treno per l'aeroporto: fermato diciannovenne

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • Corso dei Mille, rapinatori armati di pistola assaltano il Conad: bottino da 10 mila euro

Torna su
PalermoToday è in caricamento