Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Corso Vittorio Emanuele

Centonove sedie vuote davanti alla Cattedrale, l'omaggio a Claudio Domino e gli altri bimbi vittime di mafia

Davanti alla chiesa simbolo della città hanno preso il via le iniziative organizzate per ricordare il bambino ucciso il 7 ottobre del 1986, mentre giocava a San Lorenzo. Ancora oggi la sua morte non ha un perché né un colpevole

Palloncini bianchi che volano in cielo e, davanti alla Cattedrale, 109 banchi scolastici con altrettante sedie vuote in ricordo dei 109 bambini riconosciuti vittime delle mafie. Sono due delle iniziative organizzate per ricordare Claudio Domino il bimbo ucciso il 7 ottobre del 1986, mentre giocava a San Lorenzo. La strada dove venne ucciso da qualche anno porta il suo nome ma ancora oggi la sua morte non ha un perché e non ha un autore. 

Un colpo di pistola e nessuna verità dopo 35 anni, Palermo ricorda il piccolo Claudio Domino

Oggi, 35esimo anniversario dell'omicidio, è stato organizzato un calendario di eventi lungo tre giorni. Sentita e partecipata la messa officiata stamani in Cattedrale. C'erano, al fianco dei genitori di Claudio Domino, anche i rappresentanti delle forze dell'ordine, oltre a diversi familiari di vittime di mafia e semplici cittadini. Al termine della messa è stata inaugurata l'installazione “Le classi dai banchi vuoti”, 109 banchi scolastici e 109 sedie in ricordo dei 109 bambini riconosciuti vittime delle mafie.

Sopra ogni sedia è stata posizionata una maglietta su cui è scritto il nome della piccola vittima del delirio di onnipotenza mafioso. Le ragazze e i ragazzi delle scolaresche presenti hanno letto i nomi delle vittime. Sui banchi sono stati deposti i libri donati dagli editori Pietro Vittorietti, Nessun Dogma, Il Palindromo, Ex-Libris e Navarra editore, del Centro Studi Pio La Torre oltre a quelli donati dalla libreria Zacco, dalla Libreria Vaccaro, dalla Libreria del Cassaro e da Spazio Cultura Libreria Macaione che saranno donati, al termine delle tre giornate commemorative in memoria di Claudio Domino e degli altri 108 bambini uccisi dalle mafie, ad una biblioteca scolastica. A conclusione dell'evento sono stati rilasciati 108 palloncini bianchi e uno rosso che sono volati nel profondo spazio del cielo.

"Vogliamo lanciare un messaggio di speranza, la Sicilia è terra di bellezza, arte, cultura, non solo di mafia", dicono Graziella Accetta e Ninni Domino, i genitori di Claudio. "Oggi - aggiunge Graziella - ho visto concretizzarsi ciò che sognai in occasione del diciottesimo compleanno di Claudio, quando lo vidi entrare, in fila, nella Cattedrale con tanti altri ragazzi. Era vestito come un cadetto della Nunziatella di Napoli, con i pantaloni bianchi, la camicia bianca e il giubbino celeste. Oggi Claudio è stato con noi e con i ragazzi delle scuole che l'hanno voluto ricordare proprio in quella Cattedrale in cui l'ho visto entrare".

Domani, venerdì 8 ottobre, le iniziative continuano. Sempre sul piano della Cattedrale “Le classi dai banchi vuoti” ospiteranno alle 10:30 Angelo Sicilia che, con i suoi pupi antimafia, racconterà la storia del piccolo Giuseppe Di Matteo tenuto in prigionia per 25 mesi prima di essere sciolto nell'acido. Al termine. Salvo Piparo, presenterà il suo monologo su Padre Pino Puglisi, oggi Beato. E' prevista la partecipazione di alcune scolaresche.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centonove sedie vuote davanti alla Cattedrale, l'omaggio a Claudio Domino e gli altri bimbi vittime di mafia

PalermoToday è in caricamento