Palermo omaggia Costa, Cassarà e Antiochia, Orlando: "Loro morte è ferita aperta"

Alla cerimonia in ricordo delle vittime di Cosa nostra ha partecipato anche il sindaco Leoluca Orlando: "Anche grazie all’esempio e al sacrificio di questi uomini, oggi la città ha inequivocabilmente scelto la strada del contrasto al crimine organizzato"

Palermo rende omaggio al procuratore Gaetano Costa, ucciso dalla mafia il 6 agosto del 1980, al vicequestore Ninni Cassarà e all’agente di polizia Roberto Antiochia uccisi nello stesso giorno del 1985. Alla cerimonia in ricordo delle vittime di Cosa nostra ha partecipato anche il sindaco Leoluca Orlando. Prima si è recato in piazza Giovanni Paolo II dove è stata deposta una corona di alloro presso la stele che, dal 2019, ricorda Cassarà e Antiochia e poi in via Cavour, sul luogo della morte del procuratore Costa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mattarella: "Hanno rafforzato i valori della legalità"

"Così come ogni anno – ha detto Orlando – la città di Palermo ricorda con commozione questa data dolorosa, che rappresenta una ferita ancora aperta per tutti quelli che difendono i valori della legalità e della lotta alla mafia. Costa era un uomo che da sempre nella sua vita prima e durante l'esperienza in magistratura, mostrò grande attaccamento ai valori della giustizia e della democrazia; valori che con grande fermezza e immenso coraggio portò avanti sacrificando la sua vita anche per l'isolamento che ne ha caratterizzato l'esperienza alla Procura di Palermo. Cassarà e Antiochia furono vittime di quel terribile anno in cui la mafia rispose con feroce violenza al lavoro investigativo e repressivo portato avanti dalle forze dell'ordine ed in particolare dalla Questura di Palermo, impegnata nella caccia ai latitanti. Anche grazie all’esempio e al sacrificio di questi uomini, cosi come quello di tutti gli altri che hanno avuto una visione di legalità e di giustizia, oggi Palermo ha inequivocabilmente scelto la strada del contrasto al crimine organizzato che non è più parte integrante del sistema di governo della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento