Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | "Fece della libertà la sua stella polare": cent'anni fa la nascita di Sciascia

Il sindaco Orlando, il governatore Musumeci e l'assessore comunale alla Cultura Zito ricordano l'eretico, il pazzo, il maestro che attraverso la cultura immaginava percorsi di rigenerazione e rinascita per l'Isola: "Raccogliere la sua eredità significa dimostrare che questa Sicilia non è più irredimibile"

 

"A Leonardo Sciascia abbiamo dedicato lo scorso anno questa splendida biblioteca comunale che sorge significamente in un edificio che fu dei Gesuiti, ricordando le tante contraddizioni e le posizioni ambigue di questi nella realtà siciliana, ma - nello stesso tempo - ricordando anche la capacità di denuncia da parte dello scrittore". Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando nel giorno del centesimo anniversario della nascita dello scrittore siciliano.

"Sciascia - continua il primo cittadino - aveva fatto della libertà la sua stella polare che indicava agli altri la direzione; come tutti gli uomini liberi, di volta in volta, è stato definito 'eretico' dagli ortodossi spesso mafiosi, 'sovversivo' da istituzioni che avevano il volto della mafia e 'pazzo' da saggi succubi del potere mafioso. La mia generazione ha conosciuto la mafia non come crimine, ma come un contesto che produceva un sistema di potere; lo ha fatto grazie agli scritti di Leonardo Sciascia, che ha disvelato in tempi difficili le contraddizioni e le ipocrisie del sistema di potere. Da Diego e l'Abate Vella, fino all'affare Moro, la storia viene ripercorsa e rivissuta in nome della libertà. Essere qui a ricordare Leonardo Sciascia è un modo per ricordare quella libertà che oggi abbiamo il dovere di coniugare con l'uguaglianza e con la fraternità troppo spesso considerate alternative alla libertà indicata da Sciascia".  

"Siamo qui a ricordare un grande intellettuale, un grande scrittore, un grande uomo politico - dice l'assessore alla Cultura Mario Zito - che ha saputo offrire una visione della città assolutamente nuova rispetto a quelli che erano gli stereotipi presenti in quel momento. E grazie alla sua coscienza critica abbiamo avuto uno sprone per continuare ad andare avanti nel percorso che lui, insieme a tanti altri intellettuali, uomini di cultura e artisti ci ha saputo dare nei bellissimi anni della sua presenza qui. Sciascia ci ha lasciato un importante messaggio: in un momento in cui tutto sembra perduto, attraverso la cultura possiamo immaginare percorsi di rigenerazione e una vera e autentica rinascita".

A ricordare lo scrittore anche il governatore Musumeci. "Leonardo Sciascia è stato uno dei più grandi intellettuali del Novecento e noi siciliani dobbiamo saperne custodire il pensiero critico, lo spirito libertario e la lucidità di intellettuale indipendente è scomodo. E, soprattutto, dobbiamo cogliere quel pungolo ad abbandonare la rassegnazione, della quale ci accusava lo scrittore di Racalmuto, e credere che, invece, con le idee e il lavoro si possano cambiare le cose. Raccogliere l ’eredità di Sciascia significa dimostrare che questa Sicilia non è più irredimibile"

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento