Trovata anfora tombale nel Palermitano: "Forse c'è una necropoli del V secolo avanti Cristo"

Il reperto è stato rinvenuto sulla strada provinciale 9 bis che collega Scillato con Collesano sulla scarpata a monte della strada, a seguito delle piogge. Indagini in corso. La soddisfazione di Orlando

Il ritrovamento dell'anfora tombale

Gli archeologi della sezione per i Beni Archeologici di Palermo, diretti da Rosa Maria Cucco, hanno riportato alla luce una sepoltura a enchytrismòs, tipologia tombale che venne utilizzata in epoca punica, romana e paleocristiana, quando si ricorreva al seppellimento all'interno di grandi anfore. Le operazioni sono state messe a segno con l'aiuto del personale tecnico della Città Metropolitana di Palermo, direzione Viabilità.

Il reperto è stato rinvenuto sulla strada provinciale 9 bis che collega Scillato con Collesano sulla scarpata a monte della strada, a seguito delle piogge. "Si tratta di un oggetto di particolare interesse archeologico, che l’associazione Sicilia Antica di Scillato ha prontamente segnalato alla Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Palermo - dicono dagli uffici della Città Metropolitana -. Il sito si trova vicino alla zona archeologica di Himera luogo di grande interesse storico, teatro di due epiche guerre tra romani e cartaginesi".

La sepoltura a enchytrismòs consisteva nel deporre il corpo all'interno di un vaso in terracotta (pithos) con il corpo in posizione rannicchiata. Le anfore venivano utilizzate, soprattutto per l’inumazione dei bambini. L’anfora, quando utilizzata per i bambini deceduti in tenera età, veniva tagliata di lungo per permettere l'inserimento del corpo; la parte tagliata era poi accostata e l’anfora deposta all'interno di una fossa. La sepoltura a enchytrismos risale all’Età Punica, compare durante l'ultima parte del sesto secolo avanti Cristo e resiste sino agli inizi del quarto secolo avanti Cristo: era realizzata con grandi anfore commerciali e vi erano inumati i bambini che, tra l'altro, venivano collocati in un'area ad essi dedicata all’interno della necropoli.

Durante l'Età Romana Imperiale, invece le anfore erano maggiormente utilizzate per l'inumazione dei defunti: la Tripolitana, l’Africana I e l’Africana II, che, nella loro destinazione d'uso originale, venivano impiegate per trasportare olio e altri prodotti, tra i quali una salsa di pesce di cui i Romani andavano particolarmente ghiotti, il garum. All’interno dell’anfora ritrovata è stata rinvenuta un’anfora piccola che serviva quale corredo d’accompagnamento del defunto. L’enchytrismòs per la sepoltura degli infanti prosegue in età paleocristiana, epoca durante la quale le anfore venivano spesso collocate nei loculi all'interno delle catacombe.

L'intervento dei tecnici con l'ausilio del personale della direzione viabilità della Città Metropolitana di Palermo, ha consentito l'importante ritrovamento che potrebbe portare allo sviluppo di una campagna di scavi per indagare sulla probabile presenza di una necropoli del quinto-sesto secolo avanti Cristo.

Queste le parole del sindaco metropolitano Leoluca Orlando: “Il ritrovamento di questo importante reperto storico è la conferma della fondamentale importanza della collaborazione tra gli enti, sia per la salvaguardia sia per la valorizzazione del nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento