Martedì, 16 Luglio 2024
Sanità

Ha un aneurisma, aorta e arterie ricostruite con sondini: è la prima volta in Sicilia

L'intervento con chirurgia mini invasiva è stato eseguito al Policlinico su un paziente di 77 anni. L'uomo ha recuperato in tempi brevi ed è stato dimesso dopo tre giorni

Per la prima volta in Sicilia, al Policlinico di Palermo, sono stati ricostruiti per via endovascolare l’intera aorta toracica e le principali arterie dirette al cervello. La procedura mini invasiva con sondini, che richiede elevate competenze e tecnologie all’avanguardia, è stata eseguita da Vincenzo Argano, direttore dell'unità operativa complessa di Cardiochirurgia dell’Azienda ospedaliera universitaria e da Sebastiano Castrovinci, dirigente medico dell’unità operativa, che ha acquisito competenze specifiche in questo campo al Policlinico Sant'Orsola di Bologna. Ad affiancare i due cardiochirurghi un’equipe multidisciplinare costituita da anestetisti, cardiologi, tecnici di radiologia e ulteriori chirurghi del cuore che si sono avvalsi di innovative attrezzature.

Il paziente trattato è un uomo di 77 anni della provincia di Agrigento, affetto da un voluminoso aneurisma dell'arco aortico, che normalmente avrebbe richiesto un complesso intervento chirurgico in ipotermia e in circolazione extracorporea, gravato da elevati rischi operatori e da una degenza prolungata. Con il trattamento endovascolare dell’aorta toracica, che rappresenta un’alternativa mini invasiva alla chirurgia tradizionale, utilizzando una nuova protesi personalizzata, “double branch”, è stato possibile riparare rapidamente l’aneurisma aortico preservando l’integrità delle arterie del cervello. Il paziente ha avuto un sorprendente recupero che ha consentito la dimissione in terza giornata.  

Argano commenta: "Sono estremamente soddisfatto dell’impegno aziendale che ci consente adesso di effettuare queste complesse procedure micro-invasive sull’aorta toracica. È per noi motivo d’orgoglio poter offrire ai pazienti siciliani cure che in precedenza potevano soltanto essere offerte fuori regione, gravando sia sulle risorse personali delle famiglie che sul sistema sanitario regionale". 

Nell'unità operativa di Cardiochirurgia del Policlinico, punto di riferimento della Sicilia occidentale per il trattamento delle patologie aortiche complesse, sia acute che croniche, e Centro di riferimento regionale "per le attività di estrazione micro-invasiva con tecnica laser di elettrocateteri", sono già in programma altri interventi simili, che richiedono una selezione molto rigorosa dei malati 

"Questo importante risultato - commenta il commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera universitaria, Salvatore Iacolino - è frutto di investimenti su nuove tecnologie e reclutamento continuo delle risorse umane sviluppati nel reparto di Cardiochirurgia, che lo rendono adesso in grado di competere con le più prestigiose realtà nazionali e sono motivo di orgoglio per la nostra azienda e per la Sicilia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha un aneurisma, aorta e arterie ricostruite con sondini: è la prima volta in Sicilia
PalermoToday è in caricamento