menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anello ferroviario, crollano barriere del cantiere di via Amari: "Tragedia sfiorata"

Per poco una donna non è stata colpita. Il presidente della commissione Attività produttive Caracausi: "Avevamo già denunciato il rischio sicurezza. Cosa si aspetta per prendere provvedimenti?"

Crolla una parte delle barriere che delimitano il cantiere dell’anello ferroviario di via Amari. E una donna per poco non è stata colpita. "Quindici giorni fa avevamo denunciato il rischio sicurezza - afferma il presidente della commissione Attività produttive Paolo Caracausi (Idv) -. Serve necessariamente la tragedia, che oggi è stata solo sfiorata, perché di chi competenza prenda provvedimenti? Invitiamo ancora una volta il sindaco e il prefetto a intervenire e a chiedere a Rfi di valutare la rescissione del contratto con l’azienda. In caso contrario, il commissario di Tecnis deve assumere concreti impegni affinché il cantiere sia messo in sicurezza e perché i lavori abbiano una data certa di conclusione. Palermo, i residenti e i commercianti non possono rimanere ostaggi di un cantiere infinito”.

Rincara la dose Marco Frasca Polara, presidente dell'ottava circoscrizione. "Quanto successo non può essere definito semplicemente un incidente - afferma Frasca Polara - e passare nel dimenticatoio, merita un approfondimento. Il Comune deve vigilare di più. Più volte abbiamo registrato in questo cantiere diverse anomalie e criticità. Da ultimo ricordo le pietre fatte schizzare dalla trivella sulle vetrine dei negozi e sui marciapiedi. Ora è toccato alle barriere antirumore che potevano abbattersi sui pedoni. Occorre intervenire subito - conclude - e ristabilire le condizioni di sicurezza del cantiere a tutela dei lavoratori e dei cittadini"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento