"Mamma a 40 anni e più", aperto ambulatorio dedicato al Buccheri La Ferla

La struttura è pensata per dare un'attenzione particolare alle donne che per scelta o per caso affrontano la maternità in un'età matura. La direttrice del dipartimento Maria Rosa D’Anna: "Le loro gravidanze presentano un numero maggiore di complicanze"

Aperto un ambulatorio dedicato alle mamme over 40 all'ospedale Buccheri La Ferla. La struttura è pensata per dare un'attenzione particolare alle donne che per scelta o per caso affrontano la maternità in un'età matura. La scelta nasce anche dall’esame dei dati di una casistica del punto nascita dell’ospedale nell'ultimo biennio: su 4.700 parti totali, le mamme di età inferiore a 19 anni rappresentano il 4%, quelle di età compresa tra i 19 e i 39 anni sono il 73%, mentre le mamme over 40 rappresentano il 23 %. In quest'ultima categoria di donne si registra una percentuale ammontante al 23 % di donne che arrivano addirittura a superare i 45 anni. Tra le gravide di età superiore ai 40 anni, la percentuale di aborti ripetuti è di circa il 34 %. Inoltre, si riscontra un tasso di gravidanze gemellari maggiore rispetto alle donne di età inferiore ai 19 anni, fenomeno dovuto probabilmente al ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita, che ha, a sua volta, un'incidenza del 20%, e una maggiore incidenza di tagli cesarei.
 
“Nonostante la nostra società, ritenga ormai 'normale' avere un figlio a qualsiasi età – spiega Maria Rosa D’Anna, direttrice del Dipartimento materno infantile dell’Ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli –  dobbiamo ricordare che fisiologicamente il picco dell'età fertile della donna è sempre a 25 anni e che il numero di ovociti che ha una 35enne di oggi è lo stesso di una 35enne di 100 anni fa. Le gravidanze in età avanzata presentano un numero maggiore di complicanze. Pertanto, è necessario un livello di attenzione assistenziale più elevato, che si concretizza nella realizzazione di un ambulatorio dedicato con un team multidisciplinare di esperti in materia ostetrico-ginecologo, cardiologo, endocrinologo, psicologo, genetista, ematologo”. 

L'ambulatorio dedicato alle donne over 40 è collegato con l'Unità di medicina e chirurgia fetale, coordinata da Nicola Chianchiano, con la disponibilità di eseguire: diagnosi delle cromosomopatie; screening combinato del primo trimestre villocentesi; amniocentesi e cordocentesi su cui eseguire gli esami citogenetici; diagnosi e terapia delle malformazioni strutturali, studio anatomico fetale con ecografie mirate, diagnosi e terapia delle alterazioni della crescita fetale; valutazione ecografica della crescita e identificazione delle alterazioni; temporizzazione del momento del parto, allo scopo di prevenire la mortalità fetale e ridurre la morbilità neonatale; diagnosi e trattamento delle infezioni fetali; diagnosi e trattamento delle complicanze specifiche della gravidanza gemellare monocoriale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ambulatorio prenatale "Mamma a 40 anni e più" ha una cadenza settimanale. Si accede attraverso prenotazione telefonica al numero 091 749853, il giovedì mattina dalle 8 alle 08.30 e dalle 12 alle 12.30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Mercatini, spiagge e pulizia delle strade: ecco il lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

Torna su
PalermoToday è in caricamento