Confintesa sanità Sicilia: "Personale del 118 siciliano esposto al rischio contagio da covid-19"

Come già segnalato in altre occasioni, vogliamo porre in evidenza che ci sono gravi carenze di dispositivi di sicurezza tra il personale del 118 siciliano, le ultime forniture non sono risultate idonee poiché non possiedono la certificazione per la protezione per rischio biologico, oltre ad risultare fattivamente di scarsa qualità (si strappano con estrema facilità). È quanto segnalano da Confintesa Sanità Sicilia.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Come già segnalato in altre occasioni, vogliamo porre in evidenza che ci sono gravi carenze di dispositivi di sicurezza tra il personale del 118 siciliano, le ultime forniture non sono risultate idonee poiché non possiedono la certificazione per la protezione per rischio biologico, oltre ad risultare fattivamente di scarsa qualità (si strappano con estrema facilità). È quanto segnalano da Confintesa Sanità Sicilia. Confintesa Sanità Sicilia chiede un intervento urgente, infatti se è vero che il Dispositivo Assessoriale N. 14005 del 16 aprile sull'estensione dei controlli a tutti i comparti a rischio può essere definito utile, è altrettanto vero che lo stesso dovrebbe però essere applicato con immediatezza, vista la necessità di eseguire subito i tamponi rinofaringei e gli esami sierologici ai fini dell'accertamento di eventuali positività e prevenire in tal modo la diffusione del contagio del personale e dei pazienti soccorsi e trasportati.

E’ indispensabile elevare al massimo il livello di protezione del personale che opera a bordo delle ambulanze del 118 (autisti-soccorritori, Medici ed Infermieri) in quanto è il più esposto, come riportato nelle linee guida SIS 118, pubblicate lo scorso 16 aprile. "E’ già tutto scritto, ci sono infatti delle disposizioni dettagliate e specifiche sui dispositivi di protezione individuale e sulle procedure che sono indicate dalle linee guida emanate dal ministero della Salute il 24 febbraio, dall'INAIL sul proprio sito istituzionale, e dalla Società SIS 118; l’assessorato alla Salute hai inoltre promosso un corso FAD sui criteri di vestizione e svestizione per interventi a rischio biologico, pubblicato sul sito dell'Ordine dei medici di Palermo, riguardo la giusta fornitura dei dispositivi di protezione individuale per affrontare la Pandemia da CoVid-19: ovvero, tute integrali con cappuccio e calzari o stivali in gomma, certificati per rischio di agente biologico, occhiali-visiere para schizzi, maschere con facciale filtrante FFP3, doppio paio di guanti in nitrile misura 300 mm", così dichiarano Domenico Amato, Segretario Regionale Confintesa, e Mario Manzo, Coordinatore Regionale Confintesa 118 Sicilia. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento