Cronaca Via Liberta'

Passeggeri stanchi: "Autobus troppo affollati e ritardi eccessivi"

Sono storie di "ordinaria follia" quelle vissute dai palermitani rispetto al servizio di trasporto pubblico. Una utente: "C'è chi ha l'abbonamento e non può utilizzarlo pienamente e chi, come me, si vede scadere il biglietto mentre attende la prossima corsa alla pensilina"

Utenti in attesa delle bus Amat - foto Rosellina Gugliaro

Bus troppo affollati, ritardi eccessivi e utenti che si vedono scadere il biglietti mentre attendono la prossima corsa. Sono questi le storie di “ordinaria follia” di chi, per necessità o scelta, si trova ad utilizzare il servizio di trasporto pubblico dell’Amat. "In via Libertà - segnala Rosellina Gugliaro - l’autista non ha potuto neanche aprire le porte tanto era piena la vettura. Un signore è rimasto addirittura schiacciato mentre cercava di scendere. Sta diventando quasi pericoloso”.

Pochi giorni fa un altro lettore, Pietro Adragna, aveva raccontato a PalermoToday l’esperienza di un viaggio a bordo di un bus della linea 806, quella che da piazza Sturzo porta a Mondello. Difficoltà nel trovare un posto dove acquistare i biglietti, apparecchi per l’obliterazione del titolo di viaggio non attivi, aria condizionata inesistente a bordo delle vetture e corse interminabili per arrivare a destinazione. Ma questo è solo uno degli ultimi racconti che si aggiungono ai tanti precedenti.

“Io con i mezzi vado e torno da lavoro - spiega Rosi Arena - spostandomi da un lato all’altro della città. Le attese sono cieche e non c’è possibilità di lamentarsi: se lo fai ti ridono in faccia. Stesso discorso la domenica. Ho scoperto che non tutte le tratte sono completamente coperte, o comunque solo fino alle 19. Tutti i mezzi sono in pessime condizioni. Più volte - conclude - è capitato che il bus si guastasse nel bel mezzo della corsa. Pero spostarmi da piazzale Giotto sino allo stadio perdo due ore la mattina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passeggeri stanchi: "Autobus troppo affollati e ritardi eccessivi"

PalermoToday è in caricamento