Amat, meno zone blu e utilizzo di ganasce: presto il nuovo contratto di servizio

Prevista l'istituzione delle zone rosse, a pagamento anche per i residenti. Fondi previsti per la creazione del biglietto telematico e per combattere gli "scrocconi" con l'aumento di controlli a campione, anche con l'ausilio dei vigili urbani

Ridurre le zone blu, aumentare quelle bianche, ma introdurre anche quelle rosse nelle zone a maggiore percorrenza. Queste sono solo alcune delle novità previste nella bozza del nuovo contratto di servizio firmato Amat, il risultato del lavoro di sintesi fatto dai vertici aziendali, dall'assessore alla Mobilità Tullio Giuffrè e da quello al Bilancio, Luciano Abbonato. Il Comune sembrerebbe voler mettere sul piatto circa 89 milioni di euro l'anno. Amat continuerà ad occuparsi della rimozione auto ma, in alternativa, potrà applicare le ganasce.

E' solo questione di tempo e la bozza potrebbe diventare realtà, con la stipula del nuovo contratto di servizio. Tra le altre intenzioni dell'azienda ci sarebbe quella di "dare la caccia" ai portoghesi, per cui è previsto anche un incremento di controllori "fissi" a bordo degli autobus, cui si affiancheranno gli agenti della polizia municipale per delle verifiche a campione. L'1% degli incassi della società, invece, sarà destinato alla realizzazione del biglietto telematico, che potrà essere pagato anche attraverso smartphone e cellulari. Tante idee da realizzare con il budget messo a disposizione dal Comune: si parla di 89 milioni di euro, che potrebbero diventare 100 al termine del triennio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai fondi comunali si aggiungerebbero all'incirca altri 10 milioni di finanziamento regionali, di cui parte verrebbe riservata per le categorie protette ed i servizi speciali. I parcheggi comunali saranno sempre gestiti da Amat, cui toccherà anche la rimozione dei mezzi. Ma, in alternativa al vecchio carro attrezzi, sarà possibile applicare il sistema di bloccaggio delle ruote. Tutta una serie di misure che dovrebbe prevedere la riduzione del numero di ausiliari del traffico. Nelle prossime settimane la parola passerà al consiglio comunale, al momento impegnato per mettere la parola fine sulla questione dei dehors.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento