Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Amap, morosi nel mirino: i tecnici lasciano 50 utenze senz'acqua

La squadra inviata dall'ex municipalizzata ha messo i sigilli in 50 contatori. Per riattivare i contratti, gli utenti dovranno pagare gli arretrati ed una penale di 500 euro. Scoperti altri allacci abusivi via Alaimo da Lentini e in via Cesare Airoldi

Non hanno pagato le bollette, ma l'Amap gli chiude i rubinetti. Proseguono le verifiche dei tecnici dell'ex municipalizzata che, a poco più di una settimana dall'annuncio fatto dall'azienda, hanno tagliato le prime cinquanta utenze, tra abitazioni private ed esercizi commerciali. Nei casi riscontrati in centro città, per riattivare un nuovo contratto gli utenti dovranno pagare gli arretrati più una penale di circa 500 euro.

"In settimana sono previste ulteriori 250 sospensioni della fornitura - ha detto al Giornale di Sicilia il presidente dell'azienda, Vincenzo Costantino - per utenti morosi nella zona centrale della città. Coinvolte anche le squadre operative del servizio Distribuzione che provvederanno ad apporre i sigilli nei contatori, come previsto dal regolamento di distribuzione idrica. Le operazioni proseguiranno con i controlli nelle altre zone della città e interesseranno tutte le tipologie di importo e di utenza".

L'ammontare degli arretrati per le prime utenze morose trovate ammonta a circa 110 mila euro, con importi che variano da 900 a 5.000 euro. Oltre a questo genere di controlli, si aggiungono anche quelli per furto d'acqua. L'apposita "task force" istituita dall'azienda ha scoperto e denunciato alla procura altri tre nuovi casi: allacci abusivi in via Alaimo da Lentini e in via Cesare Airoldi. Fra questi anche un idraulico che ci si era realizzato autonomamente un impianto abusivo con il quale rifornire la propria abitazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amap, morosi nel mirino: i tecnici lasciano 50 utenze senz'acqua

PalermoToday è in caricamento