Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Acqua, passa ad Amap la gestione del servizio idrico integrato in 82 comuni

La decisione è stata presa durante l'assemblea dei sindaci dell'Ato idrico Palermo. La società palermitana, a regime, servirà circa 1.150.000 abitanti. Di Martino: "Pronti per affrontare questa difficile sfida"

Sarà l'Amap a gestire il servizio idrico integrato (Sii) negli 82 comuni dell'area metropolitana di Palermo, raggiungendo un bacino di utenza pari a circa 1.150.000 milioni di abitanti. L'affidamento a unico soggetto pubblico è stato deciso dall’assemblea dei sindaci dell'Ato idrico Palermo che ha approvato in aggiornamento il nuovo Piano dell’ambito ottimale Palermo. Il documento ingloba lo stralcio della pianificazione afferente i comuni dell'Ato già gestiti da Amap e contiene a integrazione la pianificazione relativa a tutti i comuni dell'Ato Palermo, compresi quelli che hanno avuto riconosciuta la salvaguardia della gestione diretta del servizio idrico integrato.

L'obiettivo generale della pianificazione d'Ambito è stato quello del raggiungimento, in un arco di tempo compatibile con i vincoli del sistema, dei livelli minimi di servizio e il soddisfacimento dei fabbisogni idrici dell'utenza in modo omogeneo su tutti i comuni dell'Ato Palermo, assicurando l'equilibrio economico-finanziario della gestione nel rispetto delle vigenti disposizioni sulla regolazione tariffaria. Complessivamente il programma degli interventi proiettato per l'intero periodo di affidamento del Sii (30 anni) prevede investimenti poco superiori ai 2.6 milioni di euro e, in particolare, nel primo periodo di pianificazione 2021-2024 si prospettano fabbisogni per 843 milioni di euro di cui 503 finanziabili con contributi pubblici. 

Questo Piano d'ambito - dice il sindaco di Palermo e presidente dell'Ati idrico, Leoluca Orlando - è un documento elaborato in house, ossia senza apporti esterni e coinvolgendo i singoli Comuni, e ha il prezioso valore aggiunto del contributo di conoscenza offerto da una società pubblica che da decenni assicura nel territorio l'attività industriale del ciclo integrale delle acque. Il risultato è quello di avere oggi contezza dello stato delle infrastrutture del Sii, delle diffuse criticità presenti nei territori, del fabbisogno complessivo degli investimenti certamente non sostenibili con la sola tariffa del Sii. Abbiamo approvato in linea con la normativa di settore - continua Orlando - una pianificazione che ci consente di procedere a breve a consolidare sull'Amap Spa, società interamente pubblica, quel ruolo di gestore unico che vogliamo sempre più far sentire come un patrimonio di tutti i Comuni dell'Ati, anche quelli che hanno avuto riconosciuto la salvaguardia della loro gestione diretta pubblica". 

Secondo Alessandro Di Martino, amministratore Unico di Amap "il Piano d'ambito carica la società di enormi responsabilità per lo stato precario delle infrastrutture da gestire e anche se si tratta di una sfida difficile si è pronti ad affrontarla estendendo da subito e progressivamente la gestione ai nuovi Comuni che si apprestano a entrare nella compagine della società. Amap ha avuto approvate le tariffe dall'Autorità Energia Reti e Ambiente ed è già impegnata ad attuare gli interventi per i quali si è ottenuto un primo finanziamento dalla Banca europea degli investimenti, ma il nostro impegno - conclude Di Martino - è ora indirizzato a intercettare gli investimenti pubblici, specie quelli previsti dal Recovery fund da aggiungersi a quelli gravanti sulla vigente tariffa del Sii".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua, passa ad Amap la gestione del servizio idrico integrato in 82 comuni

PalermoToday è in caricamento