menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Viale Regione Siciliana dopo l'alluvione

Viale Regione Siciliana dopo l'alluvione

Alluvione del 15 luglio, il Comune stabilisce i criteri per i risarcimenti: disponibili solo 900 mila euro

Il contributo straordinario stanziato dalla Regione (che potrebbe non bastare) verrà suddiviso in quota parte a chi ha subito danni a magazzini, negozi, attività produttive, abitazioni, arredamento, veicoli e alle persone che hanno avuto conseguenze fisiche. C'è ancora tempo per presentare le istanze

La Giunta comunale ha stabilito attraverso un atto d'indirizzo i criteri e le modalità di erogazione dei risarcimenti per i danni subiti a causa dell'alluvione del 15 luglio.

La Regione ha stanziato un contributo straordinario di 900 mila euro, che verrà suddiviso in quota parte in cinque macro-categorie: 350 mila euro saranno destinati ai danni ai magazzini, ai negozi e alle attività produttive; 250 mila euro per i veicoli, 150 mila euro per danni all’arredamento, 100 mila euro per le abitazioni e 50 mila euro per i danni fisici alle persone. "Ove dovessero residuare somme non utilizzate per una o più categorie - si legge nella delibera di Giunta - le stesse saranno ridistribuite proporzionalmente nelle categorie rimanenti, fino a erogazione totale dell’intero contributo straordinario citato". 

E' più probabile però che i 900 mila euro resi disponibili dalla Regione non siano sufficienti, tant'è che il sindaco Leoluca Orlando aveva sollecitato il presidente della Regione Musumeci a dichiarare lo stato di calamità per poter ottenere anche aiuti statali. "Dopo l'avvio della procedura per la dichiarazione di stato di calamità e la disponibilità del Governo regionale al trasferimento delle somme già stanziate - dichiara Orlando - entro breve tutto sarà pronto perché i cittadini possano comunicare in modo trasparente e verificato i danni subiti, con l'auspicio che la stessa sia quanto più rapida possibile da parte dello Stato e della Regione".

Potranno chiedere i risarcimenti i proprietari dei beni danneggiati, i locatari, gli amministratori di condominio, i titolari delle attività commerciali, le persone che ne hanno riportato conseguenze dirette. Per ottenere il contributo straordinario dovrà infatti essere dimostrata la sussistenza del nesso di causalità diretto tra l'evento calamitoso e i danni subiti.

All’indirizzo mail alluvione15luglio@comune.palermo.it.,sono arrivate 550 richieste; altre 100 circa alla mail protezionecivile@comune.palermo.it non certificata e a quella certificata protezionecivile@cert.comune.palermo.it oltre a quelle che ancora pervengono (70 circa); 100 circa alla Avvocatura comunale. Il contributo straordinario in favore dei richiedenti ammessi verrà erogato non appena sarà stilata apposita graduatoria. I criteri fissati da Comune danno priorità a chi ha un reddito Isee più basso e alle imprese che hanno subito i danni più elevati.

Per coloro che non hanno presentato a suo tempo richiesta di contribuzione, verrà pubblicato sul sito del Comune un avviso con il quale potranno presentare richiesta di erogazione del contributo. Un gruppo di lavoro appositamente individuato, avrà il compito di pubblicare l'avviso corredato dalla documentazione e di effettuare una ricognizione di tutte le richieste di risarcimento danni già pervenute.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento