menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Allattare è relazione e vivere la nostra città": presentato il calendario

"L’allattamento al seno – spiega il sindaco Orlando -  è uno straordinario esempio di come la visione qualche volta ti porta a tornare al passato

E' stato presentato oggi, a Sala delle Lapidi, il calendario “Allattare è relazione, allattare è vivere la nostra città”, che segue la mostra fotografica omonima, tenutasi il mese scorso a Palazzo delle Aquile. Il calendario, patrocinato dal Comune di Palermo, dalla Presidenza del Consiglio Comunale di Palermo, dall’Assessorato Regionale alla Salute e dall’Azienda Sanitaria Provinciale 6,  rientra nell’ambito della manifestazione “Allattamento e dintorni: comunicazione e relazioni” e desidera mettere in evidenza come il tempo dell’allattamento possa integrarsi con gli altri tempi della vita di una donna attraverso scatti che immortalano momenti di relazione mamma-bambino contestualizzati in luoghi della nostra città, dallo Spasimo alla Cattedrale, dal Teatro Massimo a Piazza Pretoria e a Mondello.

Presenti all’incontro con la stampa, il Sindaco Leoluca Orlando, il Presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando, le Consigliere Comunali Alessandra Veronese ed Antonella Monastra, oltre alle rappresentanti dell’associazione “L’arte di crescere”, Marica Gallo, Monica Garraffa, Claudia Pilato e Valentina Celano, giovane fotografa di Termini Imerese che ha gratuitamente prestato il proprio contributo per la realizzazione dell'iniziativa.
 
Per il Sindaco, Leoluca Orlando, anche in questo caso si tratta di “cambio culturale. Credo che sia questo il segno vero anche di questa iniziativa, che costituisce la conferma di una visione della vita e della città, che passa attraverso la revisione critica di stili di vita tradizionali. In questo caso, dello stile di vita tradizionale che era diventato  in contrasto con il rispetto della maternità ed il rispetto dei bambini. L’allattamento al seno – continua il Sindaco -  è uno straordinario esempio di come la visione qualche volta ti porta a tornare al passato e, sostanzialmente, ad entrare nella categoria dei diritti, perché il nascondere l’allattamento o addirittura sostituirlo, costituisce un modo per rendere invisibile  l’azione ed il rapporto di maternità tra la madre ed il figlio. L’allattamento al seno all’aperto, in mezzo alla vita normale che scorre, è un modo per rendere visibile questo rapporto e per renderci tutti più forti nel ricordare il valore della maternità e il valore del benessere”.
 
“Abbiamo pensato bene di sostenere questo calendario – dice il Presidente del Consiglio Comunale, Salvatore Orlando - poiché promuove l’allattamento al seno ed è la prova che molte persone,  giornalmente, si impegnano a promuovere attività che non hanno un ritorno personale ma che hanno l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei cittadini”.  
 
Marica Gallo delll'associazione "L'arte di crescere" ha sottolineato che “c’è ancora molto da lavorare dal punto di vista culturale, proprio perché, se spesso le mamme non continuano nell’allattamento, come dimostrano studi recenti, è per via dello stigma sociale che ancora persiste, nell’allattare in pubblico”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento