rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Partanna-Mondello

Villa allagata a Mondello, il Comune condannato a risarcire la proprietaria

I fatti nell'agosto del 2018: l'abitazione fu completamente invasa dall'acqua costringendo una giovane coppia con un neonato a scappare. Dalla perizia sono emerse le responsabilità dell'Amministrazione, che ora dovrà pagare oltre 50 mila euro di danni e a 15 mila di spese legali

Nell'agosto del 2018 la sua villa fu completamente invasa dall'acqua, che allagò tutte le strade intorno all'abitazione, raggiungendo le stanze e costringendo una giovane coppia con un neonato a scappare. Divenuta inagibile e con gli arredi quasi tutti distrutti, la villa fu lasciata dagli inquilini che posero fine al contratto di locazione di durata quinquennale. La proprietaria decise così di presentare un ricorso al presidente del Tribunale di Palermo e, assistita dallo studio legale Palmigiano e Associati, ha nominato un consulente d’ufficio che potesse accertare i danni prodotti dall'allagamento. Dalla perizia emerse quanto già accertato dal consulente di parte, ossia "l’insufficiente capacità di smaltimento delle acque per tramite della rete di canalizzazione delle acque del Comune".

Nel 2021 è iniziata una causa per il risarcimento dei danni con una richiesta di risarcimento di oltre 50 mila euro. Infatti, oltre ai danni all’immobile, agli arredi e agli elettrodomestici, c’erano le somme che la proprietaria aveva dovuto corrispondere anche all’affittuario per i suoi mobili andati in rovina e gli interventi fatti per scongiurare nuovi allagamenti. "La proprietaria, di fronte al fatto che il Comune di Palermo non ha mai provveduto a realizzare alcun intervento per evitare il verificarsi nuovamente della situazione - si legge in una nota - dopo gli allagamenti dell’agosto 2018, decise di effettuare, a proprie spese, dei lavori consistenti nell’installazione di nuovi sistemi di accumulo delle acque meteoriche, con 2 pompe sommerse in grado di convogliare l’acqua all’esterno della villa. Tale intervento ha consentito di far fronte, temporaneamente, all’evento perché permette di portare l’acqua fuori dalla villa evitando l’allagamento interno. Ma è rimasto il problema del sottodimensionamento della fognatura comunale". Adesso il giudice ha condannato il Comune di Palermo al pagamento di oltre 50 mila euro di danni e a 15 mila di spese legali.

(Fonte: Adnkronos)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa allagata a Mondello, il Comune condannato a risarcire la proprietaria

PalermoToday è in caricamento