Ad Alimena alto rischio frane, al via studio lavori di consolidamento

Dopo avere stanziato oltre un milione di euro, l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore siciliano Nello Musumeci, ha affidato la progettazione esecutiva degli interventi da fare nella zona sud del paese

Un raggruppamento di imprese, che fa capo alla catanese Mada Engineering, è già all'opera per pianificare gli interventi di consolidamento della zona sud di Alimena. Dopo avere stanziato oltre un milione di euro, l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore siciliano Nello Musumeci, ha affidato la progettazione esecutiva dei lavori che saranno effettuati in due contrade da anni tormentate da una serie di smottamenti che ha provocato lesioni all'asfalto della strada comunale e alle abitazioni: Pasciovalli e Fontanazza.

La Struttura commissariale diretta da Maurizio Croce attende adesso di ricevere l'elaborato per passare all'ultimo step, vale a dire la gara per assegnare la realizzazione delle opere e mettere così in sicurezza un'altra porzione del territorio dell'Isola. Anche in questo caso si tratta di una zona con una classificazione R4, codice assegnato alle aree ad alto rischio. Le soluzioni allo studio degli esperti serviranno a restituire stabilità a un terreno geologicamente fragile, anche a causa della presenza a valle dell'abitato di un torrente oltre che dell'elevata pendenza dell'intero versante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento