"Picchia, insulta e minaccia le figliolette di neppure 5 anni": arrestata 26enne ad Alia

La donna avrebbe minacciato di morte la più piccola davanti alle sorelline. La più grande ha solamente quattro anni. Le bimbe sono state portate in una struttura protetta

Tra le mura domestiche vivevano un incubo: niente giochi e carezze ma violenze e minacce di morte. I carabinieri di Alia hanno messo fine all'incubo vissuto da tre bimbe, la più grande di soli 4 anni, che sarebbero state maltrattate dalla giovane madre. La donna, 26 anni, è stata arrestata.

I militari dell'Arma sono intervenuti a conclusione di attività d’indagine svolte secondo le linee della "Rete antiviolenza carabinieri di Palermo", per contrastare la violenza di genere e sostenere le vittime vulnerabili e i minori. L'ordinanza di custodia in carcere è stata emessa dal gip di Termini Imerese.

I carabinieri spiegano che "la 26enne, all’interno delle mura domestiche, maltrattava le figlie minori. Le bimbe erano sottoposte a continue vessazioni, e un insostenibile regime di vita familiare. Inoltre, la donna picchiava, insultava e minacciava di morte la più piccola, alla presenza delle altre".

L’arrestata è stata tradotta presso la casa circondariale Lorusso Pagliarelli, mentre le bimbe sono state collocate presso una struttura protetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento