rotate-mobile
Cronaca Termini Imerese

Il Banco Alimentare e l'impegno contro "la cultura dello spreco", 19enne di Termini fra gli alfieri della Repubblica

Deborah Maria Inserillo è una dei 30 giovani a cui il presidente Sergio Mattarella ha conferito l'attestato d'onore. "Sono convinta che attraverso il cibo la persona acquista la sua dignità"

C'è anche una ragazza di 19 anni di Termini Imerese, attiva nel volontariato con il Banco Alimentare, tra i nuovi Alfieri della Repubblica nominati dal presidente Sergio Mattarella. Si chiama Deborah Maria Inserillo, è nata il primo agosto del 2003 e riceve il riconoscimento per l’attività di volontariato con cui testimonia l’importanza della condivisione e del dono e per l’impegno contro lo spreco alimentare, fatto di azioni concrete e di sensibilizzazione per uno sviluppo sostenibile.

Debrah studia Scienze dell'Educazione all’Università di Palermo con l'obiettivo di realizzare dei progetti in campo sociale per l’educazione dei giovani alla sostenibilità. "Ho iniziato la mia attività di volontariato al Banco Alimentare in quinta elementare - spiega Deborah a LaPresse - prima occupandomi di colletta e poi di distribuzione di pacchi della spesa alle famiglie più in difficoltà. Nella mia città ho anche promosso delle campagne contro lo spreco alimentare e sul perché è importante donare un alimento a chi ne ha più bisogno. Per far questo sono andata anche nelle scuole dove ho parlato con i ragazzi più giovani di me. Riflettere sulla cultura dello spreco è importante come dice papa Francesco, noi non sprechiamo solo il cibo ma anche le persone. Sono convinta infatti che attraverso il cibo la persona acquista la sua dignità".

"Nel periodo del lockdown, ad esempio, abbiamo assistito delle famiglie indigenti e la loro dignità si azzerava quando mancava un piatto di pasta, soprattutto quando non erano nelle condizioni di sfamare i propri figli. Il bello del volontariato al Banco Alimentare sta anche nel rapporto che si instaura con le famiglie che di volta in volta ci si trova ad assistere, nasce spesso un rapporto confidenziale la gente si confida con te raccontandoti le sue paure. Spero che riconoscimenti come quello che ho avuto l'onore di ricevere possano incentivare sempre più giovani al volontariato", conclude Inserillo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Banco Alimentare e l'impegno contro "la cultura dello spreco", 19enne di Termini fra gli alfieri della Repubblica

PalermoToday è in caricamento