menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ex albergo "La Montanina"

L'ex albergo "La Montanina"

Fantasmi sulle Madonie, viaggio tra gli alberghi abbandonati di Piano Zucchi

La Montanina cade a pezzi, il rifugio Orestano è chiuso da anni, la Baita del Faggio è in vendita, Piano Torre Park Hotel ospita i migranti. Sono il simbolo di un territorio in agonia, che vive col sogno dei nuovi impianti di risalita

Fantasmi al posto dei turisti. Soggiornare a Piano Zucchi, un tempo cuore pulsante delle Madonie, è quasi impossibile. Delle due storiche strutture ricettive che ancora si guardano da un capo all’altro del piano, rimangono solo ricordi e calcinacci. La Montanina e il rifugio Orestano sono il simbolo di un territorio ricco di risorse, che però stenta a decollare, in attesa dell’agognato rilancio grazie ai nuovi impianti di risalita di Piano Battaglia, praticamente pronti, ma ancora chiusi.

La Montanina, meta del turismo invernale degli anni ’80, è diventata una casa di spettri. La struttura, chiusa dagli anni ‘90, cade a pezzi. Piante infestanti avvolgono l’edificio, lesionato in più punti e totalmente vandalizzato. All’interno lo spettacolo è ancora più triste: mobili distrutti, specchi e vetri in frantumi, sedie e poltrone sparse ovunque, termosifoni divelti. L’edificio appare in più punti a rischio crollo. Il gazebo in muratura sulla terrazza esterna sembra poter venir giù da un momento all’altro, con tegole che si staccano sotto i colpi del vento. La struttura, di proprietà della famiglia Mogavero, era stata messa in vendita, ma – evidentemente – nessuno si è fatto avanti per acquistarla. Così adesso è una cattedrale nel deserto.

Non va meglio neanche al rifugio Orestano del Club alpino siciliano, che era gestito dagli stessi Mogavero. L’edificio non ospita più turisti da circa dieci anni, dopo che un incendio nel 2008 distrusse il tetto e l’ultimo piano della struttura. Anche in questo caso, avvicinandosi al piccolo rifugio, l’abbandono si tocca con mano. Porte e cancelli sbarrati, unica traccia di vita la voce registrata che risponde al cellulare indicato sul sito internet della struttura, dove non si fa cenno della chiusura. Del resto, a futura memoria, resistono anche i cartelli turistici presenti nella zona, che indicano ancora ai pochi passanti la presenza degli alberghi.

Non va meglio nemmeno alla Baita del Faggio, l’unica struttura ricettiva rimasta aperta nei pressi di Piano Zucchi, ma adesso messa in vendita. “Siamo alla ricerca di qualcuno disposto a comprare – spiega a Palermotoday, il titolare Gabriele Mogavero – qui il turismo è morto, c’è stata una contrazione del 60-70 per cento di clienti. Abbiamo resistito finché potuto, siamo rimasti aperti ad agosto nonostante le sparute presenze, incassando appena 4 mila euro. Così non possiamo andare avanti”. La disfatta si completa, infine, con il vicino Piano Torre Park Hotel, gestito da Beppe Mogavero, diventato un centro d’accoglienza dove neanche i migranti vogliono restare. L’ultimo schiaffo ad un territorio in agonia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento