"Hanno fatto saltare in aria Falcone": l'Alba dopo il tramonto, parla la fidanzata di Rocco Dicillo

Alba Terrasi avrebbe dovuto sposare uno degli agenti della scorta di Giovanni Falcone nel luglio del 1992. In occasione dell'anniversario della strage di Capaci ha concesso a "Famiglia Cristiana" la sua prima intervista

L'articolo di Famiglia Cristiana con la foto di Alba Terrasi e Rocco Dicillo

In occasione dell'anniversario della strage di Capaci, Alba Terrasi, che doveva sposare Rocco Dicillo, uno degli agenti della scorta di Giovanni Falcone, ha concesso a "Famiglia Cristiana" la sua prima intervista: "Mi arrabbio", ha raccontato nella sua casa di Palermo, "quando leggo il suo cognome ancora scritto staccato". Spiega di aver scelto di parlare e di aver partecipato con una testimonianza al libro Oltre Capaci, dedicato a Rocco Dicillo da Francesco Minervini,  che si presenta il 23 maggio a Triggiano (Bari), città d'origine dell'agente: "Per restituire a Rocco la sua umanità, la sua quotidianità sempre liquidata nell'anonimato, come se gli uomini della scorta non avessero avuto una vita né lasciato mamme, mogli, figli dietro di sé".

Ricostruisce i ricordi personali e terribili del giorno che ha mandato all'aria anche il suo progetto di vita, il matrimonio che Padre Ennio Pintacuda avrebbe celebrato il 20 luglio 1992: "Lavoravo in un negozio vicino al ponte di via Belgio, a Palermo, poco oltre inizia l'autostrada. Abbiamo sentito il botto, un cliente ha pensato all'esplosione di una cisterna per il trasporto dei combustibili. Il secondo signore entrato ha detto: 'Hanno fatto saltare in aria Falcone'". Ma le parole che le dicevano che Rocco non c'era più, Alba Terrasi le ha sentite: "Soltanto alle quattro di notte". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In mezzo c'è il racconto dettagliato e terribile dell'ansia e della consapevolezza che si è fatta strada man mano che passavano le ore, del corpo alla fine riconosciuto solo dalle mani: "Ce lo siamo chieste spesso, dopo, la mamma di Rocco, Luisa, e io: 'Come abbiamo fatto ad andare avanti?', Per una madre è ancora più difficile". Mentre prova a ricostruire il complicato percorso di una vita rimessa in piedi, anche grazie all'eredità morale lasciata dal ragazzo con gli occhi azzurri, e andata avanti spiega: "All'inizio ho chiesto a Dio conto e ragione: 'Perché a noi? Perché a loro che stavano dalla parte del bene?'" Ma non ho mai perso la fede".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento