rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Tensioni in corsia

Appello contro le aggressioni a Villa Sofia: "Episodi ormai all'ordine del giorno, intervenga l'Asp"

L'intervento della Uiltucs Sicilia: "Non si può garantire la sicurezza del pronto soccorso con un servizio dimensionato sulle esigenze del periodo precedente la pandemia"

"Le aggressioni a Villa Sofia sono ormai all'ordine del giorno, l’Asp intervenga per scongiurare conseguenze ancora più gravi. Non si può garantire la sicurezza del pronto soccorso con un servizio dimensionato sulle esigenze del periodo precedente la pandemia". Lo scrive in una nota la Uiltucs Sicilia esprimendo piena solidarietà alla guardia giurata aggredita all’ospedale Villa Sofia di Palermo.

"Questa volta la vittima è stata la guardia giurata, altre volte sono stati gli operatori sanitari – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs -. Non possiamo permettere che venga messa in discussione la salute del personale che svolge il proprio lavoro con dignità. Questa situazione necessita di un servizio di sicurezza che non è più normale ma straordinario. I parenti dei pazienti sono sempre arrabbiati perchè non hanno notizie dei cari e non riescono a vederli, e questo crea continuamente tensioni. Le guardie giurate, pur lavorando solitamente in più unità, spesso si ritrovano da sole. E quotidianamente subiscono le aggressioni fisiche o verbali. Non si può pensare che in questa condizione si possa garantire la sicurezza. È stato mantenuto lo stesso servizio pre-covid in un momento completamente diverso. Sono talmente tanti gli ingressi, e critica l’organizzazione del pronto soccorso, che la gente entra da tutte le parti e non si riescono a gestire  i controlli di tutti i possibili ingressi, con ripercussioni non solo sul personale  e quindi sui lavoratori ma sui pazienti stessi e la loro sicurezza".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appello contro le aggressioni a Villa Sofia: "Episodi ormai all'ordine del giorno, intervenga l'Asp"

PalermoToday è in caricamento