Vigili e assistente sociale aggrediti, Gelarda: "Amministrazione assiste passivamente alla violenza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Esprimiamo solidarietà e vicinanza all’assistente sociale e al vigile urbano aggrediti anche se non basta solo questo per evitare che ci scappi prima o poi il morto. Servono impegni concreti per migliorare la sicurezza sul posto di lavoro. Non si può restare ad assistere passivamente all’ennesima aggressione, senza che questa amministrazione faccia qualcosa, nel silenzio del sindaco, degli assessori e dei dirigenti che anziché prendersi cura dei propri dipendenti comunali, di sostenerli e tutelarli, non mostrano alcun segno di solidarietà come, invece, è doveroso".  Lo dicono il capogruppo della Lega Salvini Premier in consiglio comunale, Igor Gelarda, e il vice Elio Ficarra in merito a quanto accaduto ieri alla quarta circoscrizione sottolienando "la situazione di pericolo in cui operano quotidianamente gli assistenti sociali".  

"Per questo motivo - aggiungono Gelarda e Ficarra - è nostro dovere presentare un’interrogazione consiliare per chiedere al sindaco una volta per tutte di adottare tutte le misure necessarie per garantire quel livello minimo di sicurezza che permetta il sereno svolgimento della delicata attività cui la figura dell'assistente sociale è preposta. L’impegno verso tutte le problematiche connesse alla sicurezza sul posto di lavoro non è più rinviabile. Ne va, oltre che della incolumità delle persone, anche della credibilità dell’amministrazione comunale che - concludono Gelarda e Ficarra - non può certo lasciare i propri dipendenti in balia della violenza di nessuno".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento