Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Noce / Via Dante Alighieri

Via Dante, militante di Forza Nuova legato e pestato in strada

Vittima dell'aggressione il segretario provinciale Massimo Ursino, che ha riportato delle serie ferite alla testa ed è stato trasportato all'ospedale Civico. Sul posto le volanti di polizia e la digos. Il movimento di estrema destra: "Clima da anni di piombo". E sabato è atteso il leader nazionale Roberto Fiore

Foto Ansa

Follia in via Dante. Nel tardo pomeriggio un militante di Forza Nuova è stato bloccato, legato e pestato da un gruppo di persone. Alcuni testimoni riferiscono che fossero in quattro, tutti col volto coperto da sciarpe. La vittima dell'aggressione - Massimo Ursino, segretario provinciale - ha riportato delle serie ferite alla testa ed è stata trasportata all'ospedale Civico. Il pestaggio è avvenuto intorno alle 18,45 tra piazza Lolli e piazza Virgilio. Non lontano dalla sede di Forza Nuova, che si trova in via Villa Florio. Sull'episodio indaga la polizia, sul posto anche la Digos.

Una vera e propria spedizione punitiva "dimostrativa". Visto che qualcuno ha ripreso le fasi del pestaggio e poi ha rivendicato l'episodio: "Chi afferma che esista una 'minaccia fascista', a Palermo come in tutta la Sicilia, dovrà ricredersi. I fatti avvenuti oggi - si legge in una mail inviata alla redazione di PalermoToday - sono la dimostrazione del fatto che sul territorio palermitano esiste chi ripudia il fascismo e non ha timore di lottare per bloccarlo e schiacciarlo, a partire da questi protagonisti del forzanovismo, guerrieri a parole, violenti nelle immagini che evocano forse, ma incapaci di proteggere la propria incolumità e di conquistare qualsiasi forma di potere politico. Palermo è antifascista - conclude la mail -, nelle pratiche e nella quotidianità di chi la vive. A Palermo non c'è spazio per il fascismo".

Il pestaggio ripreso in un video | le immagini

Proprio oggi il movimento di estrema destra aveva lanciato l'allarme: "A Palermo - si legge in una nota - dopo gli attacchi incendiari avvenuti nel febbraio dello scorso anno, sempre ai danni di Forza Nuova, e la recente irruzione armata ai danni della sede di un’associazione d’area, si sta verificando un allarmante e unilaterale tentativo di alzare il livello dello scontro, a pochi giorni dall’arrivo in città di Roberto Fiore, che non può essere ignorato. Proprio ieri sera, infatti, sotto casa di uno dei militanti e candidati alle politiche di Forza Nuova, ha stazionato per ore un gruppo di dieci persone armate il cui atteggiamento non ha mancato di richiamare l’attenzione preoccupata del quartiere. Solo per una serie di circostanze casuali, questi epigoni degli anni di piombo non hanno avuto occasione di imbattersi nella vittima prescelta per dimostrare il proprio elevato grado di antifascismo".

massimo ursino-2

Polemiche per Roberto Fiore a Palermo: "No ai fascisti"

Tensione altissima dunque, a pochi giorni dal comizio del leader nazionale Roberto Fiore che si terrà proprio a Palermo sabato 24 febbraio. Comizio che ha scatenato non poche polemiche, culminate con la richiesta di alcune associazioni alla Prefettura e al Comune di non concedere alcuno spazio pubblico per la manifestazione. 

In serata è arrivata anche la condanna del sindaco Leoluca Orlando. "Quanto avvenuto stasera - afferma Orlando - con l'aggressione ai danni del segretario provinciale dell'organizzazione neofascista Forza Nuova a Palermo, è il segno della degenerazione che la politica italiana sta subendo, dopo avere sottovalutato la recrudescenza di fenomeni e comportamenti fascisti e razzisti, che rischiano di infettare culturalmente la società civile, anche quella che antifascista e antirazzista si proclama. Il fascismo non si combatte con lo squadrismo, bensì con la cultura e la resistenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Dante, militante di Forza Nuova legato e pestato in strada

PalermoToday è in caricamento