"Ti do 10 minuti e poi ti ammazzo", il padre di un paziente prende a calci infermiera al Civico

Dopo le prime minacce l'uomo ha raggiunto la dipendente di 40 anni, le ha sfilato da sotto la sedia e l'ha colpita. Immediato l'intervento dei colleghi e della guardia giurata. Il direttore generale Colletti: "Accerteremo i fatti ed eventualmente procederemo con una denuncia in Procura"

L'ingresso del pronto soccorso del Civico

“Ti do 10 minuti e poi ti ammazzo”. Così avrebbe detto il padre di un giovane da qualche ora al pronto soccorso a un’infermiera di 40 anni, prima di sfilarle la sedia da sotto il sedere e prenderla a calci mentre si trovava a terra. Nuovo episodio di violenza ieri sera all’ospedale Civico dove una dipendente è stata aggredita da un uomo di 50 anni. Per lei tanta paura, amarezza e quattro giorni di prognosi. In mattinata i vertici dell’azienda sanitaria si sono riuniti per affrontare il problema e studiare eventuali correttivi.

L’aggressione è avvenuta nell’area del triage intorno alle 21, davanti a numerosi pazienti. Chi era presente parla di oltre una cinquantina di persone (e di testimoni). L’aggressore aveva accompagnato poche ore prima il figlio, protagonista di un incidente in cui ha riportato una frattura al piede. L’attesa avrebbe spazientito il cinquantenne che, nonostante la “barriera” della porta d'ingresso e la guardia giurata, sarebbe riuscito a raggiungere l’infermiera alla quale avrebbe poi rivolto le prime minacce verbali.

“Ho sentito l’uomo lamentarsi - racconta una testimone a PalermoToday - dopo aver chiesto quante persone ci fossero in lista prima di suo figlio. Le ha detto che non avrebbe aspettato più di 10 minuti ed è stato di parola. E’ tornato da lei, ha tirato via con forza la sedia su cui era seduta e l’ha colpita con un violento calcio”. Dopo il colpo sono intervenuti i colleghi dell’infermiera e la guardia giurata, che sono riusciti a bloccare l’uomo e ad allontanarlo, mentre il figlio sarebbe rimasto sott’osservazione fino a questa mattina. Il fatto è stato inoltre segnalato, spiegano dall'ospedale, al posto fisso di polizia.

L’episodio è stato subito segnalato alla direzione dell’ospedale. Il direttore generale Roberto Colletti, il direttore sanitario Lia Murè e altri dipendenti del Civico si sono riuniti per affrontare l’ennesima aggressione avvenuta in ospedale. “Siamo in attesa di una relazione per farci un’idea sull’accaduto. Se dovesse risultare un’aggressione - dichiara a PalermoToday - farò una denuncia alla Procura della Repubblica. Per esprimerci sull’accaduto e chiarire cosa sia successo dobbiamo avere un quadro più chiaro”. Acquisita una prima relazione il direttore aggiunge: "Il paziente è arrivato alle 19.51 con il 118, alle 20.04 sono stati chiesti gli esami strumentali e, a causa dei circa 100 pazienti presenti in quel momento nell'area d'emergenza, gli esami sono stati eseguiti alle 21.15".

“La collega - confida un infermiere - ha riportato solo un trauma contusivo al coccige e altre lievi lesioni alla schiena. Per fortuna nulla di che. Questa volta è capitato a lei, che è una professionista di indole molto tranquilla, ci sa fare coi pazienti. Le aggressioni sono assolutamente inammissibili e non sono tollerabili, ma altrettanto fastidio danno le minacce verbali che vengono indirizzate quotidianamente”. Acquisite le informazioni la direzione valuterà il da farsi per chiarire se l'aggressione sia in qualche modo riconducibile alle liste d'attesa del pronto soccorso. Una situazione che si verifica solitamente dopo i weekend, sopratutto di lunedì, una giornata in cui i posti letto risultano occupati dai pazienti in attesa di essere dimessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento