"Ti faccio la faccia tanta": aggredita la "Iena" La Vardera, l'operatore in ospedale

Il giornalista e il videomaker Massimo Cappello stavano indagando sull'omicidio di Aldo Naro, il giovane ucciso 4 anni fa durante una serata alla discoteca Goa dello Zen. “Non ci fermeremo fino alla verità sulla morte di Aldo e denunceremo tutto”

Aggressione alla Iena Ismaele La Vardera, preso a calci e pugni, e al suo autore e operatore Massimo Cappello che ha riportato i danni maggiori finendo in ospedale. E' accaduto questa notte a Palermo i due erano impegnati nelle riprese di un’inchiesta che sta cercando di fare luce sulla morte misteriosa di Aldo Naro, il 25enne palermitano ucciso nel 2015 nella discoteca Goa, allo Zen.

“Per la morte di Aldo Naro, un giovane perbene e dalla faccia pulita è stata condannata una persona - spiega la Iena, ancora scosso per l’aggressione subìta, in un comunicato - ma non c’è ancora assoluta chiarezza su ciò che è successo. Noi da oltre un mese e mezzo stiamo cercando di ricostruire la vicenda, andando a sentire amici e conoscenti di Aldo e quanti quella notte alla discoteca Goa hanno assistito al pestaggio del ragazzo”.

Un estratto del servizio - Video

Tra le persone che Le Iene sono andate a sentire c’è una giovane ragazza, che lavora in un noto teatro cittadino. “All’uscita del teatro - spiega ancora Ismaele - ci ha raggiunto un uomo, il fidanzato della ragazza. L’uomo all’inizio si avvicina alla telecamera e ci minaccia verbalmente e poi all’improvviso si scaglia con violenza sull’operatore, che è quello che ha riportato i danni maggiori ed è dovuto andare in ospedale per gli accertamenti”.

Mentre l’aggressore, che i colleghi del ragazzo chiamano “Marco”, continua a picchiare l’autore e operatore, gli altri cercano inutilmente di farlo fermare. “Noi non abbiamo nessuna intenzione di fermarci e anzi andremo avanti con maggiore fermezza nel tentativo di chiarire le cause e le responsabilità per la morte di Aldo e presenteremo anche denuncia per questa aggressione, anche per tentata rapina perché chi ci ha aggredito voleva portare via la telecamera con il girato”, conclude La Iena. “Oggi più che mai, dobbiamo rilanciare un hashtag che è diventato virale: #giustiziaperaldonaro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aldo è stato ucciso a 25 anni dopo una festa di un venerdì sera trascorso nella discoteca Goa dopo un'aggressione con numerosi calci in testa. Per l’omicidio di Aldo i giudici hanno condannato a 10 anni un giovane 17enne, reo confesso. Condannati a 2 anni anche tre buttafuori del locale, mentre sono stati assolti dall’accusa di rissa e favoreggiamento altri 5 giovani. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento