Spedizione punitiva al Pagliarelli, giovane accerchiato e pestato da altri 5 detenuti

Nel mirino è finito un italo tunisino in carcere con l'accusa di aver avuto una parte attiva nella tratta dei migranti coi gommoni veloci. Al vaglio della Procura e della polizia penitenziaria i video delle telecamere di sicurezza

Giovane italo tunisino pestato in carcere da cinque detenuti. L’episodio di violenza è avvenuto a Pasquetta, in uno dei cortili del Pagliarelli. Nonostante il tentativo da parte di un gruppo di detenuti di nascondere l’aggressione, le telecamere hanno ripreso tutto. E ora le immagini sono al vaglio del sostituto procuratore Gaspare Spedale e dell’aggiunto Ennio Petrigni.

Il giovane aggredito, che ha riportato ferite su tutto il corpo, si trova in carcere con l’accusa di essere stato uno degli scafisti alla guida di uno dei gommoni veloci partiti dalla Libia e diretti nelle coste siciliane. La Procura e gli agenti della polizia penitenziaria hanno avviato le indagini per chiarire il motivo della spedizione punitiva. Non si esclude alcuna pista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento