menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovane passeggero pestato sul bus, il Comune si costituisce parte civile

La violenta aggressione, che ha portato all'arresto di 3 giovani extracomunitari, è avvenuta a bordo dell'autobus "603" a Vergine Maria. La vittima è un palermitano di 26 anni

Il sindaco Leoluca Orlando ha disposto che il Comune si costituisca parte civile nel procedimento a carico dell'unico maggiorenne del gruppo di tre aggressori che sabato, sul bus 603, hanno picchiato e derubato un passeggero palermitano di 26 anni. Orlando ha anche espresso il suo ringraziamento alla polizia per il pronto intervento che ha portato all'arresto immediato dei tre giovani. Si tratta di due tunisini, uno di 18 e l'altro di 15, e di un egiziano di 16 anni.

Il pestaggio è avvenuto a bordo dell'autobus che in quel momento stava transitando sul lungomare Cristoforo Colombo, in direzione Vergine Maria. A lanciare l'allarme è stato l'autista che, preoccupato per ciò che stava succedendo a bordo, ha bloccato il mezzo. Poi l'arrivo delle forze dell'ordine. "In due tenevano le braccia della vittima mentre il terzo prendeva a pugni in faccia la vittima che al nostro arrivo aveva il viso tumefatto e sanguinante", hanno raccontato i carabinieri. Alla base dell'aggressione c'è stato un tentativo di scippo (due braccialetti d’argento) ai quali il palermitano si era opposto. La vittima ha riportato una prognosi di giorni 30 per la frattura dell’osso nasale e seno mascellare. Al momento si trova al Civico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento