Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

L'autista gli vieta di salire con la bici sull'autobus e lui lo prende a sprangate: condannato

Inflitti 4 anni e 2 mesi a Cristian Monte, che è stato processato con il rito abbreviato. Dovrà anche risarcire con 10 mila euro il lavoratore e con 5 mila l'Amat. L'aggressione era avvenuta a gennaio su una linea notturna ferma alla Stazione

Un autobus di notte - foto archivio

Pretendeva di salire sull'autobus con la bicicletta elettrica e quando l'autista, la sera del 18 gennaio scorso, gli aveva spiegato che era vietato dal regolamento e che non poteva farlo, per tutta risposta lo aveva preso a pugni e a colpi di spranga. Il gup Walter Turturici adesso ha condannato con il rito abbreviato un ventenne, Cristian Monte, a quattro anni e due mesi di carcere, come richiesto dal sostituto procuratore Dario Scaletta. L'imputato dovrà anche risarcire l'autista con una provvisionale di diecimila euro e di cinquemila l'Amat, che si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Valentina Castellucci.

L'aggressione era avvenuta in piazza Giulio Cesare e Monte pretendeva di salire con la bici sul Linea notturna 7. Quando l'autista gli aveva spiegato che non era possibile, non solo lo aveva colpito - provocandogli lesioni e traumi al volto, ma rompendogli anche un dito - ma aveva pure preso le chiavi dell'autobus, mai più ritrovate. Un dettaglio per il quale è stata contestata all'imputato anche la rapina.

E sono numerose le accuse che il giudice ha ritenuto sussistenti: le lesioni, il danneggiamento (con la spranga Monte aveva sfasciato anche una delle porte dell'autobus), la rapina, l'interruzione di pubblico servizio e anche la resistenza a pubblico ufficiale. Quest'ultima circostanza non era stata inizialmente ravvisata dalla Procura, ritenendo che l'autista non potesse essere considerato un incaricato di pubblico servizio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'autista gli vieta di salire con la bici sull'autobus e lui lo prende a sprangate: condannato

PalermoToday è in caricamento