menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso del carcere Ucciardone

L'ingresso del carcere Ucciardone

Carcere Ucciardone, agente penitenziario aggredito da un detenuto

L’episodio ieri pomeriggio nella nona sezione. Il poliziotto, preso a ginocchiate e morsi, è stato portato in ospedale per accertamenti. Ha riportato escoriazioni e traumi giudicati guaribili in cinque giorni

Nuova aggressione al carcere Ucciardone. Un assistente capo della polizia penitenziaria, di 53 anni, è stato colpito ieri pomeriggio da un detenuto nella nona sezione. L'agente è stato portato al pronto soccorso per accertamenti, cavandosela con escoriazioni e traumi giudicati guaribili in cinque giorni. "Non è il primo episodio - afferma Maurizio Mezzatesta, segretario provinciale Fsa-Cnpp - e non ne tollereremo altri. Pretendiamo rispetto e maggiore considerazione. Al collega rivolgo i miei auguri di pronta guarigione".

In quale contesto sia maturata l’aggressione non è ancora chiaro. Secondo una prima ricostruzione l’assistente capo sarebbe intervenuto per sedare la lite tra due detenuti, finendo per essere colpito con ginocchiate nel basso ventre e ricevendo anche qualche morso. Stando a una seconda ricostruzione invece l’obiettivo dell’aggressione sarebbe stato proprio l’agente della polizia penitenziaria. Ad accertare come siano andate realmente le cose sarà la direzione del carcere che ha avviato un’indagine interna raccogliendo i primi atti e le relazioni dei colleghi dell'agente ferito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento