Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

L'agenzia Italpress compie 30 anni: Mattarella riceve il direttore Gaspare Borsellino

Nata a Palermo nel 1988 è l'unica agenzia di stampa nazionale con redazione centrale a sud di Roma e sedi in tutta la Penisola. Il direttore: “Abbiamo raggiunto un traguardo importante e siamo riusciti a diventare, non solo un punto di riferimento per il Meridione, ma per tutto il settore dell’informazione in Italia"

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Gaspare Borsellino e Italo Cucci

Nata a Palermo dall'intuizione e dallo spirito imprenditoriale di Gaspare Borsellino, l'agenzia di stampa Italpress ha compiuto trent'anni. Un traguardo celebrato con eventi a Roma e Palermo. Il direttore responsabile dell’Agenzia, Gaspare Borsellino, e il direttore editoriale, Italo Cucci, sono stati ricevuti al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Presenti anche i capiservizio Angelo Brocato e Gianfranco Merenda.

mattarella borsellino3-2Al centro dell'incontro con il capo dello Stato i temi legati al ruolo delle agenzie di stampa in un sistema informativo in pieno mutamento. "Stiamo vivendo una fase di grandi trasformazioni di cui non si riesce ancora a immaginare il finale", ha detto Mattarella. Borsellino ha consegnato al capo dello Stato una targa ricordo in occasione del trentennale.

Mantenendo l'originaria inclinazione all’informazione sportiva, Italpress è diventata nel tempo agenzia nazionale con più di 1600 news al giorno, 22 notiziari tematici, 6 notiziari regionali cui hanno accesso oltre 500 abbonati in tutta Italia. E' oggi l'unica agenzia di stampa nazionale con redazione centrale a sud di Roma e sedi in tutta la Penisola.

Per il trentennale, Italpress è stata promotrice del convegno “L’evoluzione dell’informazione. Dalla macchina da scrivere al Tablet: la verità al tempo delle fake news” presso il Salone d’Onore del Coni a Roma.  

“Abbiamo raggiunto un traguardo importante e siamo riusciti a diventare, non solo un punto di riferimento per il Meridione, ma per tutto il settore dell’informazione in Italia. Nel nostro target, infatti, rientrano gruppi editoriali cui fanno capo le testate più autorevoli nazionali e regionali, network radiofonici e televisivi, portali web, uffici stampa di Istituzioni, aziende pubbliche e private. Trent’anni in cui abbiamo cercato di fare dell’informazione il leitmotiv di una società che non ha paura del ruolo della stampa, la quale deve sempre mirare alla ricerca della verità", spiega Gaspare Borsellino.

In base al sondaggio realizzato a dicembre 2017 da Demos-italiani.coop riguardo internet e le fake news, su un campione di 1316 casi, risulta che il 56% degli italiani ha considerato vera una fake news; mentre il 22% non si è lasciato convincere e il restante 22% non usa internet. È, inoltre, emerso che chi condivide fake news sono per lo più i giovani, tra 25 e 34 anni, di cui il 63% ha creduto alla notizia e nel 18% dei casi ha poi condiviso la “bufala”. 

Ivan Zazzaroni, Giovanni Malagò, Italo Cucci, Gaspare Borsellino-2“Viviamo un’epoca mediatica in cui c’è una quantità infinita di news per cui, per fare bene il nostro lavoro, è necessario verificare con attenzione tutte le proposte che quotidianamente ci arrivano. In tal senso, le agenzie di stampa ricoprono un ruolo di grande responsabilità poiché ottimizzano il sistema di informazione aiutando anche i cittadini ad avere un’opinione sull’attualità. In questo contesto, in cui le fake news sono una tendenza inevitabile, le press agency rappresentano un primo filtro nel circuito dell’informazione assumendo, così, il ruolo di ‘certificatori’ di qualità", sottolinea Italo Cucci. All’evento hanno preso parte anche Giovanni Malagò, presidente del Coni; Luca Pancalli, presidente del Comitato italiano paralimpico (CIP); Klaus Davi, massmediologo; Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport; Gennaro Sangiuliano, vicedirettore del Tg1.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'agenzia Italpress compie 30 anni: Mattarella riceve il direttore Gaspare Borsellino

PalermoToday è in caricamento