Cronaca

Affido familiare, l'Afap rivolge un appello al sindaco Orlando: "Risorsa fondamentale da non penalizzare"

L' associazione teme che il personale dedicato all'istituto possa ulteriormente indebolirsi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Preoccupazione viene espressa dall'AFAP, l'Associazione Famiglie Affidatarie di Palermo, per il recente protocollo d'intesa stilato dall'amministrazione comunale, l'Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo e l'Ufficio Scolastico Regionale di Sicilia per la presa in carico interistituzionale dei minori vittime di abuso e maltrattamento in città. "L'iniziativa in sé è certamente lodevole - specificano gli esponenti dell'associazione, attiva sul versante della promozione della cultura dell'affido familiare - tuttavia temiamo che il nuovo servizio, che prevede l'individuazione di alcuni assistenti sociali da destinare al team istituzionale nascente, possa comportare il depauperamento, in termini di personale, di unità dedicate all'affido".

"Quest'ultima - spiegano ancora - è una materia molto complessa che richiede, per la delicatezza che la caratterizza, anche un'adeguata formazione che vede proprio nell'assistente sociale la figura focale affinché il percorso si realizzi". Nello specifico, il protocollo d'intesa siglato tra il Comune, l'ASP e l'USR prevede l'impiego di diversi assistenti sociali stabilmente dedicati. "Chiediamo al sindaco Leoluca Orlando e all'assessore al ramo Cinzia Mantegna chiarimenti e rassicurazioni - si legge in una nota dell'AFAP - puntualizzando, laddove ce ne fosse bisogno, che l'associazione non può che plaudire a tutte le iniziative istituzionali che mettano al centro il contrasto al disagio dei minori".

"Chiediamo però - puntualizza l'AFAP - che l'affido in città non venga penalizzato considerato che il servizio dedicato all' istituto soffre già di un' annosa carenza di operatori: a tal proposito, sarebbe opportuno prendere in considerazione l'opportunità di assumere nuove unità per potenziare l'organico". "L'esiguità del personale causa un allungamento dei tempi di realizzazione dei progetti d’affido - concludono i volontari dell'associazione - che si traduce in un' attesa interminabile in comunità per i minori”. L’AFAP, a partire dalla fine di settembre riprenderà i salotti informativi online e gli incontri virtuali per illustrare l’affido a chi volesse accogliere un minore. Prevista la possibilità di ascoltare le testimonianze di affidatari, mamme biologiche e giovani che alla maggiore età hanno concluso i progetti di affido. Chi volesse partecipare può rivolgersi ai numeri 340.2718286 e 328.8434133.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affido familiare, l'Afap rivolge un appello al sindaco Orlando: "Risorsa fondamentale da non penalizzare"

PalermoToday è in caricamento