Cronaca

Aeroporto, nasconde nella valigia reperti del Settecento: denunciato

Un passeggero proveniente dalla Svizzera è finito nei guai per contrabbando. La merce è stata sequestrata. Si tratta di vari oggetti come statuette da presepe e scatole portaoggetti, oltre a nove monete d'oro di epoca normanna di rilevante interesse archeologico

La merce sequestrata

Vari oggetti d'interesse storico e culturale sono stati sequestrati dai funzionari doganali e dai militari della Finanza, a un palermitano in arrivo all'aeroporto Falcone - Borsellino. In valigia aveva statuette da presepe, tabacchiere, scatole portaoggetti, un orologio da taschino e nove monete d'oro di epoca normanna, prodotte dalla zecca siciliana, di rilevante interesse archeologico.gdf_dogane-2

I periti della Soprintendenza dei beni culturali e ambientali di Palermo hanno fatto risalire gran parte dei reperti a un periodo compreso tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento.

Gli oggetti erano contenuti nel bagaglio a mano del passeggero italiano, proveniente dalla Svizzera, che non è stato in grado di esibire la documentazione giustificativa del valore e della provenienza degli stessi. L'uomo è stato denunciato per contrabbando, e la merce sequestrata.

Dalle prime valutazioni si stima che i beni sequestrati abbiano un valore superiore ai 100.000  euro.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto, nasconde nella valigia reperti del Settecento: denunciato

PalermoToday è in caricamento