"Sia una donna a guidare la Gesap": appello di Fiori di acciaio a Orlando

Fabio Giambrone si è dimesso dalla guida della società di gestione dell'aeroporto Falcone-Borsellino perchè candidato alle elezioni politiche. A scegliere il successore sarà il primo cittadino. L'associazione "sponsorizza" Cleo Li Calzi, già nel cda

Una donna a capo della Gesap. E' quanto chiede l'associazione Fiori di acciaio al sindaco Leoluca Orlando, dopo le dimissioni di Fabio Giambrone che ha lasciato la guida della società che gestisce l'aeroporto Falcone-Borsellino perchè candidato alle prossime elezioni politiche.

"Due anni fa, Fiori di Acciaio ha avviato una campagna di sensibilizzazione sulla legge che regola le 'quote rosa' negli enti pubblici. Nell'ottica e su indicazione di questa 'campagna' -  si legge nell'appello rivolto al primo cittadino da Marcella Cannariato, presidente di Fiori di Acciaio - era stata nominata come componente del cda. di Gesap, l'ente di gestione aeroportuale della città di Palermo, Cleo Li Calzi al posto del consigliere dimissionario Giorgio Di Marco. Durante la presidenza di Fabio Giambrone, che ringraziamo per l'impegno profuso e per aver portato l'aeroporto Falcone - Borsellino fra i sette scali più importanti d'Italia, Li Calzi ha ricoperto egregiamente e con competenza un ruolo di primo piano. Come abbiamo sempre detto, non è una questione femminista o di 'colore di quota': è per il bene primario della cultura che si avviano tali battaglie, perché senza cultura la nostra città, la nostra Regione e il nostro Paese non può conoscere il progresso. Ed è per questo che, Fiori di Acciaio, che da sempre si batte affinchè le donne possano avere pari diritti ed opportunità anche quando si tratta di ruoli di primissimo piano, ufficialmente le chiede di considerare, fra i nomi del probabile futuro presidente, anche e soprattutto il nome di Cleo Li Calzi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rivolgendosi ancora a Orlando, Cannariato sottolinea: "Lei, che da sempre è un innovatore, un anticipatore di tendenze e che ha sempre mostrato sensibilità per le opportunità ed i diritti, darebbe così visibilità ad una donna di indubbie capacità, facendone una delle prime a capo di un ente aeroportuale italiano. Palermo, nel 2018, è Capitale italiana della cultura e Cultura significa, sopratutto, 'coltivare' idee che siano innovative e che possano essere emulate come 'buone pratiche' per la crescita dell'individuo. Una donna, a capo della Gesap, potrebbe essere il primo esempio di questa cultura che cambia: una cultura fino a ora prevalentemente maschilista che ultimamente ha visto sì le donne fare capolino nei  cda, ma mai realmente alla guida nei posti che contano. Questo le chiediamo e questo ci auguriamo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento