"Giochi di guerra" sulle Madonie, aereo dei Marines sfreccia a bassa quota

Sarebbe il secondo avvistamento in due settimane. Pochi giorni fa, in tanti hanno assistito al passaggio di un grosso velivolo, accompagnato da un rombo assordante: "I vetri di casa hanno iniziato a tremare". Da Sigonella: "Si è trattato di un volo d’addestramento"

L'aereo militare visto volare sopra Petralia (foto: Gabriele Guarneri)

"Giochi di guerra" sui cieli delle Madonie. Un aereo delle forze armate statunitensi è stato visto sfrecciare a bassa quota, a poche centinaia di metri d’altezza dai centri abitati. Sarebbe il secondo avvistamento in due settimane. Martedì pomeriggio, intorno alle 17,30, a Petralia Soprana, in località Madonnuzza, in tanti hanno assistito al passaggio di un grosso velivolo, accompagnato da un rombo assordante.

A confermare che un aereo militare americano sorvolasse la zona il 27 febbraio, sono le stesse forze armate della Marina americana di stanza alla stazione aeronavale di Sigonella, dopo che l’Aeronautica militare italiana ha smentito la presenza di propri velivoli nella zona. Per l’esattezza a sfrecciare sopra Petralia – fanno sapere da Sigonella a PalermoToday – è stato un Mv-22 Osprey, appartenente al reparto volo dello “Special Purpose Marine Air-Ground Task Force-Crisis Response-Africa” del Corpo dei Marines. L’aereo – riferiscono – ha condotto un volo addestrativo a bassa quota.

“Ho sentito un boato, sono sceso dall’auto ed ho visto sfrecciare a bassissima quota l’aereo – racconta Gabriele Guarneri, 28enne di Castellana Sicula, che è riuscito in fretta e furia a scattare anche una foto del velivolo – era di colore grigio e con un motore a doppia elica. Volava a bassissima quota, e non nascondo di essere rimasto impressionato per averlo visto così vicino”. Ma l’avvistamento del 27 febbraio non sarebbe un caso isolato. “Un paio di settimane fa – prosegue Guarneri – un altro aereo è passato a bassissima quota sopra Castellana, era talmente vicino alle abitazioni che i vetri di casa hanno cominciato a tremare. A occhio mi è sembrato si trattasse dello stesso tipo di velivolo”.

“La Stazione aeronavale della Marina Usa di Sigonella – aggiungono dalla base americana – è particolarmente attenta a garantire la sicurezza delle comunità che la circondano e garantisce che le autorizzazioni relative alla rotta e all’altitudine del volo sono state propriamente concesse dall’autorità aeronautica italiana di Sigonella".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento